#190 - 14 aprile 2017
AAAAAttenzione - Care amiche e cari amici lettori, dopo alcune difficoltà tecniche e qualche scontro con l'influenza, eccoci di nuovo con il primo numero del 2018 del giornale. Dunque, innanzi tutto un BUON ANNO a tutti, che sia veicolo di felicità, serenità, salute. Invitiamo tutti a seguirci e da parte nostra cercheremo di essere puntuali nelle uscite e capaci di proporvi notizie di vostro gradimento. grazie.
Cinema

2017: Sessantacinquesima edizione

Trento Film Festival

Montagna e Popoli protagonisti

Superato ogni record con oltre 600 film iscritti alla rassegna.
In programma 118 proiezioni, di cui 22 film in concorso e
110 eventi, tra serate alpinistiche, incontri, mostre e convegni

Montagna e Popoli protagonistiMontagna e Popoli protagonisti

Il Trento Film Festival ha presentato a Milano, alla Sede centrale del Cai, il programma della 65. edizione (dal 27 aprile al 7 maggio) che si caratterizza per numerosi appuntamenti di grande richiamo, con tanti nomi celebri del mondo dell’alpinismo, del cinema, della cultura e dello spettacolo e per un programma cinematografico di alto livello.
Tra gli ospiti anche Romano Prodi, Giuseppe De Rita e l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi. Presenti anche volti noti del mondo dello spettacolo, da Teresa Mannino a Fabio Volo.

Montagna e Popoli protagonistiMontagna e Popoli protagonisti

Per l’Islanda, “Paese ospite” della Sezione “Destinazione”, messo in campo un programma coinvolgente di attività realizzato in collaborazione con il Consolato Generale d’Islanda e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.
Tre straordinarie serate alpinistiche: “Il fascino dell’impossibile”, con Reinhold Messner (27 aprile, alle 21, Auditorium S. Chiara); “Climbing games. Da Bardonecchia 1985 a Tokyo 2020”, con Adam Ondra e importanti nomi di ieri e di oggi dell’arrampicata sportiva (28 aprile, alle 21, Auditorium S. Chiara); “Metanoia: un omaggio e una rinascita”, con Thomas Huber, Roger Schaeli e Stephan Siegrist e la partecipazione di Connie Lowe (4 maggio, alle 21, Auditorium S. Chiara).

Montagna e Popoli protagonistiMontagna e Popoli protagonisti

Reinhold Messner protagonista anche in veste di regista con la presentazione in anteprima italiana della sua versione cinematografica del film “Still Alive – Dramma sul Monte Kenya” (l maggio, alle 21, Supercinema Vittoria).
Spettacolare serata dedicata al nostro pianeta, “SOS terra, abbiamo un problema”, con l’astronauta Umberto Guidoni, il meteorologo Luca Lombroso e la “copertina” di Teresa Mannino (3 maggio, alle 21, Auditorium S. Chiara).
Grandi eventi sull’avventura con Mira Rai, la trail runner nepalese nominata da National Geographic “Adventurer of the Year 2017” (5 maggio, alle 21, Supercinema Vittoria) e l’esploratore Alex Bellini (7 maggio, alle 11, al Muse).

Montagna e Popoli protagonistiMontagna e Popoli protagonisti

L’ambiente che circonda il Festival e il Monte Bondone al centro, con una serie d’iniziative con il Muse, il Comune di Trento, la Rete Riserve Monte Bondone, l’Apt Trento-Bondone.
Numerosi autori di prestigio a MontagnaLibri, da Mauro Corona a Franco Perlotto, da Robert Peroni a Paolo Cognetti.
Ricco programma di mostre ed esposizioni, dall’Islanda, alla montagna vista da prospettive diverse.
Infine, per i più piccoli nasce quest’anno “TFF Family”, una vera e propria sezione della rassegna con tutte le attività svolte al “Parco dei Mestieri” e le iniziative rivolte in particolare ai bambini e alle famiglie.

Montagna e Popoli protagonistiMontagna e Popoli protagonisti

Dagli scritti di Don Lorenzo Milani Priore di Barbiana tratte dall'Agenda Conoscenda 2018 (Leggere anche Articolo "Una lettera da Barbiana" - Io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri - Il mondo ingiusto l'hanno da raddrizzare i poveri e lo raddrizzeranno solo quando l'avranno giudicato e condannato com mente aperta e sveglia come la può avere solo un povero che è stato a scuola - Non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è l'obbedienza.Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservare quando sono giuste... - La coerenza è un altissimo privilegio dell'uomo, ma a patto che l'uomo abbia quel minimo di cultura senza del quale Uomo non è -