#108 - 20 ottobre 2014
AAAA ATTENZIONE questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi prossimo 30 novembre quando cederà il posto al nuovo numero 231. BUONA LETTURA A TUTTI - Ed ora SORRISINI - Attenzione, per arrabbiarsi si mettono in moto 65 muscoli! per sorridere solo 16! Fai economia, sorridi!!! - E' chiaro che i tizi che stanno seduti al bar alle 11 del mattino sanno qualcosa su come ci si guadagna da vivere che noi non sappiamo - Ho bisogno di emozioni forti...vado a leggere il mio estratto conto - Beati i vegetariani... che non possono mangiarsi il fegato - L'unico uomo capace di tenere sveglia una donna tutta la notte, porta il pannolino - Come si chiama...quando tutto va bene? Alcool, si chiama alcool! - Oggi la mia vicina ha urlato così forte a suo figlio che dalla paura mi sono messo a sistemare la camera pure io - L'unica che ti aiuta veramente nel momento del bisogno è la carta igienica -
Musica e Strumenti

suoni lontani

Zamfir e il flauto di pan

cultura Huari dall'altipiano andino

di Giada Gentili

Chi può mai essere stato Gheorghe Zamfir? (questo tipo di domanda, la stessa in pratica, se la pose il poeta Rilke quando gli capitò tra le mani un volume di poesie, "Sebastiano in sogno", di un altro poeta, allora sconosciuto, George Trakl. Eravamo in piena prima guerra mondiale. E' quel tipo di domanda che nasconde sorpresa ed incredulità positiva).

Zamfir e il flauto di panZamfir e il flauto di pan

Una sera di molto tempo fa ero in casa di un amico, appassionato di dischi in vinile (una passione oggi di moda tra i radical-chic ), che ebbe l'idea di prenderne uno e di farci sentire lo straziante suono del flauto in una melodia che ricordai subito. Era la colonna sonora del film di Peter Weir "Picnic ad Hanging Rock" (1975). Andai a vedere la copertina e mi ritrovai sotto gli occhi il nome di questo Zamfir, illustre virtuosista di flauto rumeno. Chi l'aveva mai sentito nominare?

Zamfir e il flauto di panZamfir e il flauto di pan

Tutti coloro che hanno visto il film, la ricorderanno subito: è una di quelle musiche assolutamente incancellabili che, come le madelaine di Proust, fanno balzare alla memoria l'opera che l'accompagna, in questo, un film (tipo il tema di Lara del "Dottor Zivago" o la marcetta militare del "Ponte sul fiume Kway" o la struggente tromba del "Padrino").

Zamfir e il flauto di panZamfir e il flauto di pan

Il flauto di Zamfir è il flauto di Pan (Flauto di Pan o zampoña è utilizzato soprattutto negli altopiani andini, e in paesi come Bolivia, Ecuador, Perù e Colombia. Il suo sviluppo è iniziato intorno al V secolo dell'era cristiana, la cultura Huari o Wari, che si trova in Perù). Il soffio deve essere emesso a labbra strette, in modo da lasciare una fessura né troppo stretta né troppo larga, abbastanza per far passare un flusso d'aria leggera e veloce, da spingere sgonfiando i polmoni, per intenderci, senza movimenti dei muscoli addominali. Inoltre, bisogna accertarsi che il Flauto di Pan, abbia le canne secche, poiché se le canne si seccano man mano che lo strumento viene suonato, l'intonazione cambia e cala.

Zamfir e il flauto di panZamfir e il flauto di pan

Lento e inarrestabile, il suono di Zamfir nel "Picnic" conduce lo spettatore su per i misteriosi recessi delle rocce millenarie dove tre studentesse di inizio novecento andranno a perdersi: è come sentire il suono del piffero di quei suonatori indiani, detti incantatori, che ipnotizzano il cobra e lo inducono a fare quello che vogliono (in realtà il cobra è sordo e il piffero serve solo per i poveri turisti. Da segnalare che ai cobra "turistici" viene tolto anche il veleno. Beh, sembra di stare proprio a Napoli o giù di lì, non vi pare?).
Qui la musica di Zamfir e del suo flauto è irresistibile e lo spettatore sale anch'egli tra le rocce e si perde...

AFORISMI - L'amore è la saggezza dello sciocco e la follia del saggio (S.Johnson) - L'amore vince ogni cosa (P. Virgilio Marone) - C'è tutta una vita in un'ora d'amore (Balzac) - Amore e amicizia si escludono a vicenda (J.de La Bruyere) - La misura dell'amore è amare senza misura (Sant'Agostino) - Nrl mondo c'è più fame d'amore che di pane (M.Teresa di Calcutta) - SEnza amore l'umanità non sopravviverebbe un solo giorno (E.Fromm) -