#179 - 14 gennaio 2017
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte di venerdi 26 ottobre, quando lascerà il posto al numero 229. BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi un po' di proverbi romaneschi: -Li mejo bocconi sò der coco - Fà del bene all'asini che ce ricevi i carci in panza - Ci va a dormi col culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza - A l'omo de poco faje accenne er foco - Più la capoccia è vòta , più la lingua s'allunga - Acqua passatas non macina più - Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie - Li sordi so' come li dolori, chi cellà se li tiene - Fidate del ricco impoverito, non te fidà del povero arricchito ---
Piccoli Grandi Musei Italiani

"Una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

Università del Salento - Campo Ecotekne

Orto botanico Lecce

di Alessandro Gentili

Orto botanico Lecce

L’Orto botanico dell’Università del Salento si trova nel Campo Ecotekne di Lecce: fu fondato nel 1810 e gestito da Gaetano Stella che lo estese, costruendo locali per le piante più delicate.

Orto botanico LecceOrto botanico Lecce

Nel 1857 venne pubblicato il catalogo delle piante dell’Orto che ne elencava ben 570. Nel primo dopoguerra la struttura, ormai decaduta, venne sostituita da alcuni edifici pubblici. Sergio Sabato, docente di Botanica a Napoli, avviò all’inizio degli anni ’90 un progetto di ricostruzione dell’Orto; dopo se ne occupò il docente di Botanica sistematica a Lecce Silvano Marchiori che ne fu direttore per circa vent’anni.
Il primo nucleo dell’Orto fu situato nel Campus universitario Ecotekne mentre, una struttura satellite si trova nei pressi della Masseria Sant’Angelo, tuttora gestita dalla Fondazione Orto Botanico di Lecce.

Orto botanico LecceOrto botanico Lecce

Oggi, nell’Orto sono presenti gruppi di eucalipti, di pino d’Aleppo e altre specie autoctone ed ornamentali.I l visitatore viene accolto da un’area di macchia e boscaglia dove può osservare le specie legnose tipiche dell’area salentina; segue un frutteto con le specie arboree dell’agricoltura tradizionale e fruttiferi minori non più considerati. Un laghetto e un idrofitaruio, piccole aree umide ospitano le piante acquatiche; di fronte un rock-garden con piante coltivate in piena terra, oltre ad una piccola collezione di piante officinali e aromatiche mediterranee.

Orto botanico LecceOrto botanico Lecce

Durante una serie di escursioni è stato raccolto del germoplasma che si è moltiplicato nell’ampio piazzale adibito a vivaio assieme ad altre specie rare e minacciate della macchia mediterranea.
Nelle serre e nei tunnel le piante invernali trovano riposo affianco a erbe agrarie lì coltivate. Infine troviamo: Aree di rinaturalizzazione a macchia boscaglia / Scarpata con specie rupicole / Frutteto di specie e cultivar locali / Laghetto con idrofite spontanee / Vasca con idrofite ornamentali / Roccera con succulente Specie esotiche / Area delle specie officinali e aromatiche / Orto agrario / Herbarium Lupiense (LEC).
L’Orto Botanico è aperto dal 15 settembre al 30 giugno.

Orto botanico LecceOrto botanico Lecce

ANIMALIA - Se raccogliete un cane affamato e lo nutrite non vi morderà: Ecco la differenza tra l'uomo e il cane (M. Twain) - Chi ha creato i gatti si poteva permettere di sbagliare tutto il resto (M. Migliaccio) - I gatti sono tutti quanti liberi professionisti (Sy Fisher) - Quando un uomo uccide una tigre, lo chiamano sport, quando viene ucciso dalla tigre la chiama ferocia (G.B.Shaw) - Coloro che uccidono gli animali per mangiarne le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili (Pitagora) - Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a se stessa (A. Morandotti) - Dobbiamo svuotare le gsbbkie, non renderle più grandi (T. Regan) - L'intelligenza è negata agli animali solo da coloro che ne possiedono assai poca (A. Shopenhauer) -----