#353 - 1 luglio 2024
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 31 LUGLIO PER LASCIARE IL POSTO AL N° 354 GIOVEDI' 1° AGOSTO. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora ecco per voi un po' di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Cultura e Società

Trento - Palazzo delle Albere

Sciamani

Comunicare con l’invisibile

Di Laura Fasciolo

Si chiude a Trento una delle mostre più interessanti ed esaustive su un tema tanto affascinante quanto intrigante che è appunto quello dello sciamanesimo, un termine che già si presta a diverse interpretazioni e fraintendimenti, soprattutto perché si muove in un’area culturale che ha a che fare con il sacro e la sua definizione.

SciamaniSciamani

Il termine sciamanesimo ha origini lontanissime; nasce in Siberia, ma sappiamo che le pratiche ad esso connesse (viaggi nel mondo degli spiriti, poteri di guarigione e di comunicazione con altre dimensioni compreso il mondo animale) si ritrovano poi tra le più diverse zone del pianeta, dall’Africa, alle Ande al nord America e nell’Europa stessa.

Sciamani

Impressionante (nella mostra realizzata grazie alla collezione della Fondazione Sergio Poggianella), riscontrare oggetti, costumi, strumenti cerimoniali che si ritrovano identici in tutto il pianeta, come se queste pratiche, che non si basano su testi scritti, si tramandassero pratiche e segni per…canali occulti (ci si passi termine anche se ormai inflazionato in ambienti New Age…). Un esempio a noi prossimo è quello dei mamutones sardi, che usano costumi, maschere, strumenti musicali (cimbali di un certo tipo e scacciapensieri) identici a quelli usati nelle steppe della Mongolia o tra i riti vudu africani.

Sciamani

Non si diventa sciamani per scelta o per conversione interiore, ma per opera di una vera e propria “chiamata dal mondo degli spiriti”, in età prevalentemente adolescenziale; quello che è definito un vero e proprio rapimento da parte degli spiriti, porta l’iniziando a vagare come in trance o a rimanere in uno stato di morte apparente per giorni interi. Una tradizione che non sembra fare preferenze tra uomini e donne, infatti assai importante è la presenza di donne sciamane in questo contesto che presuppone anche un rapporto profondo con il mondo degli antenati.

SciamaniSciamani

Alcuni segni ed elementi come il tamburo, il flauto, o azioni come la danza e il canto di determinate formule, sono imprescindibili in quell’universo sciamanico che ha interessato le più diverse discipline quali l’antropologia, la psicologia, la filosofia, e l’arte in generale. Una sezione della mostra è dedicata proprio ad artisti contemporanei che dallo sciamanesimo hanno tratto ispirazione per le proprie opere, a cominciare dal grande Joseph Beuys.

SciamaniSciamani

La forza di questo fenomeno è testimoniata proprio dalla sua straordinaria capacità di sopravvivenza, nel corso dei millenni, ai tentativi di soppressione da parte dei diversi poteri religiosi (che spesso ne hanno assorbito e camuffato alcuni aspetti) e politici (in URSS fu uno delle prime proibizioni messe in atto) che non potevano certo sopportare la vicinanza di una realtà così forte e “sfuggente” ad ogni inquadramento che ne avrebbe determinato lo svilimento e la conseguente scomparsa.

SciamaniSciamani

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.