#353 - 1 luglio 2024
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 31 LUGLIO PER LASCIARE IL POSTO AL N° 354 GIOVEDI' 1° AGOSTO. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora ecco per voi un po' di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Fotografia

La Borsa

di Guido Alberto Rossi

La borsa del fotografo è simile a quella dell’idraulico, tutte e due pesano un sacco ma, mentre quella del fotografo ha attrezzi più costosi, l’idraulico guadagna di più e viene pagato a fine lavoro. Come tutti i bravi artigiani il fotografo riempie la sua borsa con le cose che gli servono, ma nel caso del fotografo di reportage, che non sa mai bene cosa troverà e cosa dovrà usare per la foto perfetta, si porta dietro tutto quello che pensa potrebbe servirgli un giorno o l’altro, quindi: dal grand’angolo al maxi teleobiettivo e poi tanto per stare dalla parte della ragione, si porta dietro anche dei corpi macchina e degli obiettivi di scorta, perché tutto si può rompere e se sei nel Sahara non trovi un riparatore o un negozio che vende attrezzature foto-cine.

La BorsaLa Borsa

Alle volte qualcosa si può aggiustare con quello che si ha a portata di mano: una volta un fotografo del Natgeo, (National Geographic Magazine), si trovava in Colombia per un reportage e gli si è rotto il pulsante di scatto della macchina fotografica, lo riparò con un bossolo di proiettile per pistola e un po’ di attacca tutto. A me capitò in Kenya: nel bel mezzo della savana avevo lasciato sul sedile dell’auto la macchina fotografica con montato un tele da 600 mm. (peso 6 Kg) e la portiera aperta. L’autista, per qualche suo misterioso motivo, pensò bene di muovere l’auto e così macchina ed obiettivo volarono fuori con il risultato che l’obiettivo sradicò completamente l’attacco del corpo macchina, che si porto dietro anche qualche altro pezzo. Come da regolamento avevo un corpo di scorta e fortunatamente l’obiettivo era solo un po' ammaccato ma funzionate e così non c’è stato nessun dramma, se non il pensiero del costo di un nuovo corpo macchina.

La BorsaLa Borsa

Ma la borsa contiene oltre che l’attrezzatura fotografica anche tante altre cose; la mia nelle tasche esterne contiene: bussola, coltellino con tanti tool, set di mini-cacciaviti, nastro adesivo extra forte, piccola torcia, lente d’ingrandimento, set per la pulizia (pennello e peretta), accendino, che può sempre servire, anche se non fumo, cavatappi, due batterie di scorta e schede di memoria a volontà. Il tutto per circa 15 kg. I teleobiettivi, il cavalletto ed il mono piede (15 kg.), sono a parte. E poi c’è anche la borsa di supporto, che contiene: laptop, carica batterie e hard disc di backup per le schede scattate e relativi cavi d’alimentazione vari. La borsa è praticamente uno studio viaggiante, il che prevede ogni volta una specie di mini trasloco, se poi devi prendere un aereo e ovviamente non puoi portarti tutto in spalla in cabina, l’unica soluzione è spedire il tutto come bagaglio fuori misura in una grossa valigia o bauletto, mettendo tanta cura ed imbottitura e sempre pregando la Dea Fortuna (vedi papale-papale N° 288) che il prezioso scrigno non vada perso o rubato perché, al di là del danno economico che è notevole anche se tutto è ben assicurato, c’è il piccolo problema che il reportage non lo scatti, se non con il telefonino.

La BorsaLa Borsa

Ovviamente ci sono tante altre situazioni dove non serve tutto questo ambaradan, ma ti basta portare uno zainetto con macchina e ottica necessaria per la situazione, che ovviamente già conosci e sai cosa ti serve.
La borsa che il mio amico Carlo Mari si è portato dietro quando si è imbarcato sulla nave scuola della nostra Marina Militare, le mitica Amerigo Vespucci, oltre ad avere tutto quello che gli sarebbe servito per scattare le migliaia delle 224 foto scelte (sic…purtroppo solo in bianco & nero…) del magnifico libro che ha realizzato durante la traversata dell’Atlantico, doveva essere super compatta e impermeabile per infilarla nel mini-spazio della cabina.
Per diversi colleghi, la borsa è anche una specie di talismano porta fortuna, usano sempre la stessa, ormai consunta e rabberciata da decenni, alcuni addirittura se la sono fatta fare su misura in pelle pregiata, forse pensando che la borsa fa il monaco.
Ma se c’è una cosa che accomuna tutti i fotografi di reportage e non che da decenni si portano in spalla borse pesanti, sono il mal di schiena in particolare tra le vertebre L3, L4 e L5.

La Borsa

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.