#352 - 1 giugno 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Fotografia

Foto e Bit

di Guido Alberto Rossi

È uscito un primo libro fotografico con immagini A.I.
Realizzato da Carlo Alberto Mari e Guido Alberto Rossi, è una raccolta di 14 storie fantastiche, illustrate da foto generate da computer con software A.I. (Intelligenza Artificiale). - Lo scopo di questo volume è di raccogliere fondi per la Onlus milanese Pane Quotidiano, che l’anno scorso ha distribuito oltre un milione e trecentomila pasti. - L’edizione cartacea non è in commercio ma acquistabile direttamente dalla home page del sito di Pane Quotidiano: https://panequotidiano.eu/

Ecco tre foto del libro Foto & Bit

Foto e Bit

Gigi, lo squalo bianco

L'estate scorsa Carlo Alberto, detto Lallo ed il sottoscritto, durante un'immersione fuori da Portofino, a circa 20 metri di profondità, ci siamo imbattuti in uno squalo bianco (Carcharodon carcharias Linnaeus), pescione che per fortuna da noi è molto raro, perchè ha sempre fame e morsica un po' tutto quello che galleggia e nuota, nella speranza che sia buono e digeribile. Ma niente paura, in Italia, l'ultima persona attaccata e mangiata da uno squalo è stata nel 1989 e non si è mai saputo quale tipo di squalo era, Nei nostri mari si pensa che ce ne girino circa una trentina, ma in genere preferiscono stare al sud, ed in zone poco frequentate dall'uomo. Questo che abbiamo incontrato e battezzato Gigi, in onore di Gigi Figoli, indimenticabile maestro di sci najutico di Santa Marinella Ligure, evidentemente voleva vedere anche la Liguria e d come si è comportato con noi, non doveva avere fame. ma era solo curioso.

Foto e Bit

Paola Brambilla

Il grande fotografo Douglas Kirland (Classe 1934) tra i suoi oltre tremila portage realizzati, ne ha scattato uno in particolare, che lo ha reso famoso ed invidiato: "una notte con Marilyn", eseguito nel 1961, all'inizio della sua carriera, per la rivista Look. Douglas fotografò la mitica Marilyn Monroe completamente nuda sdraiata su un letto sfatto e sgualcito che giocava a coprirsi le parti più intime con un lenzuolo bianco di seta. Le immagini danno un'idea di spontaneità e intimità sexy che fanno pensare che il fotografo era li per caso ed ogni tanto facesse clic, ma nella realtà c'è stato tantissimo lavoro : a partire dall'illuminazione, al trucco al continuo spostamento del letto e alle varie scale e trabanelli che sono serviti per scattare le foto esattamente in verticale sopra Marilyn con l'obiettivo puntato a metà corpo... Un bel giorno mi telefona l'agenzia di modelli "Belli & Ranocchi" e mi chiede se posso scattare un book ad una giovane e bella e promettente modella, chiedo come mai si sono rivolti a me che scatto tutt'altro, mi rispondono che siccome vogliono una foto in pianta dall'alto e io che scatto tanto dall'elicottero potrei essere il fotografo giusto.

Siccome mi pagano, non li contraddico e cosi cerco: lo studio, i flash, il trabanello e il letto con le lenzuola di seta; quando tutto è pronto chiamo la bella Paola Brambilla e le do appuntamento per il mattino successivo alle dieci. Paola arriva, si trucca, si sdraia e si fa su nel lenzuolo di seta. Io mi arrampico sul trabanello ed inizio a scattare, dopo mezz'ora ho gli scatti giusti e così per le dodici è tutto finito e posso pensare dove ancare a pranzo, felice e contento della mia "mattina con Paola".

Foto e Bit

Everest

...La sera prima abbiamo avuto un problema con gli sherpa che dovevano portarci le nuove bombole d'ossigeno, si sono persi e sono arrivati solo a notte tarda per cui abbiamo dovuto dividere le minuscole tende da bivacco e il fatto d'aver dormito poco e male non mi aiuta. Finalmente arriviamo in cima, scatto tutto quello che posso sia con la macchina che con il telefonino che funziona a meraviglia, unico problema sono il combattimento con i guanti e il pulsante di scatto ed il fatto che non capisco bene quando scatta e se sto facendo o no la foto. In tutto tre minuti sul tetto del mondo e poi torniamo giù, la durata sulla vetta è limitata, visto il gran numero di alpinisti che va su e giù. Ci sono in media 600 persone, solo sul versante nepalese, che ogni anno si divertono così, spendendo mediamente 25.000 dollari a crania,biglietto d'aereo e mance escluse.
Ad un certo punto della discesa il tempo cambia e arriva una mezza bufera, che tra vento gelido e nevischio rende l'esperienza ancora peggiore, meno male che ci sono le corde, ed i compagni d'avventura che, se arrviamo giù sani e salvi, si potranno fregiare del titolo di badanti.
Una volta al caldo guardo le foto scattate, beh sono ok, mi sono largamente guadagnato il pane, e ho deciso che d'ora in poi scatterò solo lavori estivie strettamente in riva al mare.

Foto e Bit

Il libro Foto & Bit di Guido Alberto Rossi e Carlo Alberto Mari si avvale in particolare di 49 foto, e nella conclusione scrive: Tutto quello che avete visto e letto inquesto libro non è mai successo, tutte le storie sono di pura fantasia, mentre le informazioni contenute nelle storie sono vere o almeno così dicono Google e Wikipedia, così come le 35 foto su un totale di 49 immagini viste finora sono frutto della mente contorta di AI, Ci siamo limitati a scrivere alcune parole e schiacciare il tasto invia e AI ha creato e inventato l'immagine a secondo del suo algoritmo-pensiero.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.