#347 - 2 marzo 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Pagine Preziose

Avanti e' la vita

Di Gian Luca Tirloni - Editoriale Delfino

Libro Tirloni Genio v ‘Avanti è la vita’ è il titolo – tra orgoglio e convincimento assoluto - di un libro del pittore-scenografo ed esperto di volumi di fatti militari Gian Luca Tirloni appunto in tema di Genio Militare.
Non è la esaltazione di un Corpo militare,bensì una storia affascinante di un’Arma fondamentale non solo in guerra anche in periodo di pace, poichè il suo è anche un ruolo fortemente civile, al servizio delle comunità in stato di bisogno urgente.
Ecco perché il libro di Tirloni - nato da una interminabile e certosina ricerca di dati e di elementi storici - diventa uno strumento-chiave nella ricostruzione storica non solo di campagne belliche anche un prezioso richiamo ai valori propri della collettività.
Il titolo completo è Avanti è la vita- L ’Arma del Genio dalle origini ad oggi-Storia, evoluzione ed innovazione dell’arma più tecnica e tattica dell’Esercito italiano . Costituito da Re Carlo Alberto di Savoia nel 1848 con il 1 Reggimento del Genio che comprendeva due Battaglioni con una compagnia di minatori e quattro di zappatori, partecipò alla Prima e Seconda guerra d’indipendenza e alla Campagna di Crimea (1855), poi si distinse anche come Reggimento ferrovieri. Ma la sua profonda trasformazione avvenne nel 1915 con la Prima Grande Guerra 1915-1918, accompagnata da impegni nuovi e qualificati in entrambe le Guerre Mondiali.

Oggi come è articolato? Tirloni così ne parla: ‘L’Arma si articola in nove Reggimenti Guastatori di supporto diretto alle Brigate di manovra e i tre Reggimenti di supporto Generale Pontieri, Ferrovieri e Pionieri,cui si aggiungono i reparti formativi. Attualmente nel processo di riconfigurazione si sta portando tutto alle dipendenze del Comando Infrastrutture’ . Il volume si sofferma sulle specialità individuandole nelle specifiche responsabilità e caratteristiche. E’ pubblicata anche la tavola araldica dei reggimenti. Seguono dati sulla associazione ANGET che raggruppa tutti gli ex- operatori del Genio, fanno seguito tante belle e significative cartoline che illustrano e compendiano la storia e lo stile dell’Arma.
E ’importante conoscerne le tipologie attraverso frasi dello stesso Autore:’ Tra le Armi dell’Esercito Italiano il Genio assicura la mobilità delle forze in ogni condizione attraverso la realizzazione di ponti, strade, ferrovie e contestualmente ostacola la manovra dell’avversario, oltre a provvedere alla protezione e sopravvivenza delle forze in ogni contesto operativo...’.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.