#316 - 15 ottobre 2022
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fumetto

Il romanzo che ha affascinato molti disegnatori e fumettisti

La balena bianca

Moby Dick

di Herman Melville, disegno di Franco Caprioli

su sceneggiatura di Massimo Liorni

Edizioni NPE

Moby DickMoby Dick

Il volume, dedicato alla trasposizione del romanzo di Melville Moby Dick (una delle passioni della vita di Caprioli), presenta la prima edizione italiana, illustrata da Caprioli, di un adattamento integrale sceneggiato da Massimo Liorni per I quaderni del fumetto, pubblicato dai Fratelli Spada nel 1975oltre alla riduzione illustrata dell’opera, effettuata dall’artista per la rivista inglese Ranger nel 1966 mentre i testi esegetici sono contrappuntati dalle 17 illustrazioni eseguite nel 1951, sempre da Caprioli, per la riduzione per ragazzi Il mostro bianco, edito da Mondadori.

La balena bianca viene rappresentato attraverso tavole suggestive e dinamiche, di un Caprioli ormai nel pieno della maturità di stile e nel suo tratto magistrale, benché ombreggiato non con i “suoi” puntini ma in maniera tradizionale.
Con ciò, Caprioli conferisce una nuova interpretazione della forza dirompente della balena e dell’ossessione del capitano Achab, che trascina anche il proprio equipaggio all’epico, vendicativo incontro/scontro con il “mostro bianco”.

Definito «poeta del mare», Caprioli è molto di più: esperto di Storia e di Scienza, maestro dell’Illustrazione e del bianco/nero «[...] Cosa potrà mai succedere quando un artista, detto per antonomasia “il fumettista del mare”, viene posto di fronte a un libro che sia a sua volta per antonomasia “il classico del mare”? Se non immedesimarvisi totalmente, trovandola un’opera in estrema sintonia con le proprie intime e convinte propensioni espressive, con il proprio operato artistico più frequente, e soprattutto coi propri princìpi estetici.

Moby DickMoby Dick

Peraltro, in tutta la sua opera, Caprioli non si negò pagine e pagine con scene di mare: nelle quali è anche doviziosamente parafrasata una caccia alla balena.
Cioè anche in questa prospettiva figura senz’altro quella indubbia “ossessione” del mare – ossessione (beninteso!) nient’affatto cupa, come in genere capita con le ossessioni, bensì gioiosa e serena – che poi egli avrebbe portato a una perfezione inarrivabile. [...]
[...] Caprioli gode del singolare primato di essere stato il disegnatore di fumetti che ha avuto le più numerose occasioni d’approccio con il cosiddetto capolavoro del mare. Infatti, in letteratura c’è un altro tema eterno, quello della caccia alla balena. Perché esso è bensì ciò che è stato interpretato più e più volte come la metafora della lotta del Bene contro il Male; ma è altresì un’altra innegabile metafora: quella dell’alleanza/ rivalità dell’uomo con il mare, in rapporto alle sue creature.»
(dalla prefazione di Gianni Brunoro).

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.