#279 - 6 febbraio 2021
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Diario

Il mio incontro con il Papa

Il Diario di Santi Visalli

Ricordo molto bene quel giorno, era il 5 ottobre 1995, ed avevo l’incarico da parte di una rivista di fotografare la visita di Sua Santità Giovanni Paolo II al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite di New York.

Facevo parte dei pochi eletti che avevano ottenuto il press pass tra le 4.500 richieste di accredito fatte da vari membri della stampa mondiale per seguire la visita del pontefice. Ero riuscito a trovare un angolino decente nell’ atrio della assemblea generale, dove potevo fotografare la stretta di mano tra il segretario generale del ONU Boutros Ghali e il Papa, attorniati da un gruppo di bambini del UNICEF. Ero un po’ scocciato ma allo stesso tempo grato alle restrizioni imposte dalla sicurezza e dal ufficio stampa delle Nazioni Unite, perché fuori pioveva a dirotto.

Alle 10.30, appena finita la cerimonia, il Papa è sceso dalla pedana al centro dell’atrio e si è diretto prima verso un gruppo di 30 bambini, poi a stringere le mani di vari funzionari del ONU che per essere in quella posizione di privilegio avevano vinto una specie di lotteria interna.
Era una vera bolgia controllata dove tutti gridavano e applaudivano.

Il mio incontro con il PapaIl mio incontro con il Papa

Mi trovavo nella prima fila dietro le barriere del settore stampa ( ero lì dalle 7 del mattino) e cercavo di fare delle foto decenti in mezzo a quella situazione caotica, quando nel mirino della macchina fotografica ho visto due mani protese verso di me, lui, il Papa era talmente vicino che non potevo neanche metterlo a fuoco, ho mollato la macchina al collo e mi sono trovato con le mani del Papa che stringevano le mie mani con un calore e fermezza che trasmettevano una energia impressionante.

E’ stato un brevissimo momento ma mi è sembrato un’eternità. Per la prima volta in quarant’anni di carriera ero stato preso alla sprovvista, mi sono allenato tutta la vita ad anticipare le mosse dei soggetti che fotografo ( l’unico vero modo per ottenere delle belle foto) e adesso avevo le mani bloccate in quelle del Papa, il mio istinto è stato quello di liberarmi e fotografarlo, ma è stato solo il mini impulso di un istante, tutto quello in quel momento volevo e facevo era guardare il Pontefice negli occhi, stringere le sue mani e mormorare “grazie, grazie”.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.