#125 - 30 marzo 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fumetto

"E' meglio assumere un sottosegretario che una responsabilità." Leo Longanesi

Girighiz

di Giada Gentili

GirighizGirighiz

Non entro nei (de)meriti della politica ma leggendo i giornali di questi ultimi anni (dacchè il vaso di Pandora, scoperchiato, ha fatto saltar fuori le più abominevoli corruzioni), l'Italia mi ricorda la Costa Concordia quand'era reclinata sul fianco, mezza affondata ma incapace di affondare del tutto. Solo con un'operazione di tiraggio mai effettuata prima, la nave è stata rimessa in posizione.
Chi potrà mai tirar su il Bel Paese? E' con queste idee in testa che ho conosciuto il personaggio Girighiz di Enzo Lunari. Fatalità?
Un nome un po' strampalato per un fumetto, Girighiz, segna l'esordio, nel 1965 sulle pagine della rivista Linus. Enzo Lunari:disegnatore dal tratto caricaturale e sceneggiatore dal gusto caustico e beffardo.

GirighizGirighiz

In Girighiz l'autore immagina la vita dell'uomo nella preistoria, precisamente nel Pleistocene, ma a dispetto dell'aspetto rozzo degli esseri primitivi che la popolano e del paesaggio brullo e semidesertico, la vita sociale e l'organizzazione delle tribù è tutt'altro che primitiva ed è organizzata, anche politicamente, come nelle società 'evolute'.
Ed è così che Girighiz si rivela un'intelligente satira politica e di costume della moderna Italietta nella quale Lunari si diverte a specchiare ed irridere i molteplici difetti dell'italica gente, paese di furbi e di bigotti, dalla incrollabile passione per il calcio; ma sono soprattutto l'inettitudine dei governanti ed il panorama politico sconfortante a diventare oggetto della caustica satira di Lunari.

GirighizGirighiz

Il fumetto nasce in formato strip, con brevi strisce comiche spesso legate tra di loro da una continuità narrativa, ma evolve ben presto in tavole complete ed in veri e propri raccontini brevi. Lo stile di Lunari è volutamente grottesco e caricaturale con personaggi sgraziati e sproporzionati, caratterizzati da una testa troppo grande rispetto al resto del corpo.
Tra i principali attori del fumetto, a parte il protagonista Girghiz, spiccano Foxtrot, il capotribù (specchio della classe politica inetta ma ricca di privilegi) inviso al popolo, l'inefficiente stregone Chicchevacche, il contestatore Wozzeck e molti altri tra i quali, sporadicamente, uno statuario Mammuth.

GirighizGirighiz

Il fumetto ha avuto una vita molto lunga accompagnando i lettori di Linus per oltre venticinque anni a partire dal 1965 e fino agli anni Novanta.
Tra le molte visitazioni fumettistiche, questa creazione di Enzo Lunari mi è sembrata la più contemporanea di tutti e per questo l'epigrafe di Longanesi è quanto mai pertinente. Se poi consideriamo l'anno (1965), c'è da stupirsi che molti artisti, da buoni profeti, hanno saputo universalizzare le loro storie?

GirighizGirighiz

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.