#353 - 1 luglio 2024
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 31 LUGLIO PER LASCIARE IL POSTO AL N° 354 GIOVEDI' 1° AGOSTO. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora ecco per voi un po' di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Ambiente

In occasione dell' 8 luglio
giornata internazionale del Mediterraneo

Mare nostrum

Di Redazione

Mare nostrum

Il Mediterraneo è un ecosistema molto fragile esposto a grandi rischi che richiede di essere tutelato.
Anche per questo, l’8 luglio di ogni anno, si celebra la giornata internazionale del Mediterraneo, un’importante occasione per aumentare la consapevolezza sul suo stato di salute e sui pericoli che lo minacciano.
Il Bacino del Mediterraneo, forse pochi sanno, che è un’area rispetto a tutti gli altri mari del pianeta con il maggior numero di specie viventi. Ma deve fare i conti con tre grandi problemi: l’inquinamento, lo sfruttamento ittico e il cambiamento climatico.

Mare nostrumMare nostrum

“Un mare di pace”
Quest’anno, con lo slogan “Un mare di pace”, si è deciso di dedicare questa giornata anche a tutti (troppi) coloro che in quel mare hanno perso la vita: donne, uomini e bambini che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo in fuga dalla guerra o dalla fame e ne sono stati risucchiati. E non solo ma anche per riflettere su quanto sta accadendo sulle coste Nord Africane e su quelle del Mar Nero.

Una giornata per ricordare i ripetuti fallimenti dei tentativi di dare finalmente una risposta europea alla pace tra i popoli, nonché alla questione dei diritti umani, di cui spesso si perde traccia, oltre che in mare, nel dibattito pubblico e politico.
Quindi in questa edizione, la 10^, il significato importante della Giornata internazionale del Mar Mediterraneo si estende oltre che all’ambiente ai popoli che vi vivono.
Una sola parola d’ordine. Va ricordato che oltre alle autorità governative dei paesi che si affacciano sul bacino mediterraneo, che già nel 1976 firmarono la Convenzione di Barcellona, sono numerosi i progetti e le associazioni che oggi si occupano di vigilare, monitorare e gestire l’integrità del nostro mare, partendo dall’impatto negativo dei rifiuti, soprattutto plastici, sulla sua delicata biodiversità.
Molto ancora va fatto e la Giornata Internazionale del Mar Mediterraneo oltre a questo obiettivo, quest’anno in particolare aggiunge la necessità di trovare e diffondere una profonda pace tra i popoli.

Mare nostrumMare nostrum

Abbinato alla giornata internazionale del Mediterraneo è il Premio Internazionale Nethuns con una sezione speciale sul Mar Nero. Riconoscimento internazionale verso persone, enti e città che si sono distinti nella tutela dei mari: Mediterraneo e Mar Nero.

La Commissione aggiudicatrice del Premio Nethuns 2024 ha nominato per l’anno in corso i seguenti vincitori:
Sezione internazionale: il Comune Ucraino di Odessa; sezione Italia: Stazione Zoologica Anton Donrn: Presidenza Centro Convenzione di Barcellona; Laboratorio di oceanologia sperimentale ed ecologia marina dell’Università della Tuscia; Istituto Tethys (Milano) per la conservazione dell’ambiente marino; Guardia Costiera; Don Bruno Bignami, direttore uff. nazionale per i problemi sociali della CEI; Livio De Santoli, Prorettore della Sapienza e coordinatore nazionale delle fonti rinnovabili; Licia Colò, per la sua trasmissione TV “Eden”.

Mare nostrum

L'iniziativa si svolge in due fasi.
Prima fase
8 luglio convegno alla Camera dei Deputati, Palazzo Theodoli Sala Matteotti, via del Corso n. 380, il pomeriggio dalle 15 alle 18,30. In quella sede verranno resi noti i soggetti vincitori del premio Nethuns 2024 (Nethuns è il dio del mare e delle acque etrusco)
La consegna dei premi avverrà nella seconda fase.

Seconda fase
27 settembre 2024 in una città di mare in fase di definizione tra Civitavecchia, Genova, Napoli e Taranto, verrà organizzata la cerimonia per la consegna materiale dei premi Nethuns.
In quella occasione è previsto che il Sindaco della città scelta consegni personalmente il premio (Un trofeo elaborato da un artista di fama internazionale) al Sindaco di Odessa.
La cerimonia è prevista per il pomeriggio, mentre la mattina è dedicata ad iniziative promosse dal comune ospitante la manifestazione.
Nel contempo verranno presentate al pubblico e alla stampa le prime “Sentinelle del Mare” a tutela della vita marina.
Per il 27 settembre sono previste varie iniziative a supporto dell’operazione “Mediterraneo Mare di Pace”

Mare nostrum

           Segreteria Organizzativa: mission.mediterraneo@virgilio.it 
           348.982.8749 338.851.3915
AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.