#353 - 1 luglio 2024
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 31 LUGLIO PER LASCIARE IL POSTO AL N° 354 GIOVEDI' 1° AGOSTO. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora ecco per voi un po' di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
letteratura

Giovanni Battista Pamphilj

Papa Innocenzo X 1574 - 1644 / 1655

di Angelo Zito

Ecco un artro Papa romano come Camillo Borghese e come quello se dette da fà pe llascià un segno importante dentro Roma.
Er richiamo de la città fu tarmente granne che ar giubbileo der 1650 arivareno a Roma pellegrini sette vorte più numerosi de quanti erano l’abbitanti de quer tempo.

Giovanni Battista PamphiljGiovanni Battista Pamphilj

Li Barberini je staveno sur gozzo
sì che tenne in disparte quer Bernino
che co le vespe de Urbano VIII
aveva fatto nidi a le fontane.
E pe nun esse da meno de quer Papa
dette l’impronta de li Pamphilj a Roma
“Io che sò nato qui a Piazza Pasquino
devo lascià un ricordo da ’ste parti”
Se fece fà un palazzo a la Navona
dove er cortile de casa era la piazza
e dove all’interno Donna Olimpia
viveva come fosse casa sua.
Incaricò Boromini de la chiesa
Sant’Ivo alla Sapienza poco lontano,
e ar Propaganna Fide mise ar lavoro
Bernini assieme ar ticinese finarmente,
ar primo poi j’affidò Montecitorio,
all’artro Sant’Agnese dell’Agone.
Pe nun fasse mancà un po’ de verde
completò l’opra co quer po’ po’ de villa
che porta er nome suo: Villa Pamphilja.

Giovanni Battista Pamphilj

La fontana de li 4 fiumi

All’occhio de li pellegrini
che in quell’anno santo der cinquanta,
famo a capisse der 1600,
affollaveno la piazza ndove er papa
celebrò la messa giubilare,
quer beveratore proprio ner mezzo
che dava l’acqua solo a li cavalli
era ’n’affronto per decoro urbano.
Cosí Innocenzo X Pamphilj
chiamò l’architetto Boromini
pe costruí su la pozza una fontana.
Er tempo passa e lo svizzero va piano,
invece er cavalier Bernino zitto zitto
prepara un progettino co l’argento
e lo rigala a una femmina introdotta,
Donna Olimpia de nome Maidalchini.
Lei, de casa ne le stanze vaticane,
lo vece véde ar Papa e lo convinse.
Passeno du anni e quer portento
che ammiramo oggi ne la piazza
diventò un artro simbolo de Roma
co bona pace de quer Boromini
che pe consolallo ebbe dar Papa
l’incarico de la cchiesa lì de fronte.
Capischi come annaveno de corsa?
Quanno er Papa comanna l’omo risponne.
Proprio come oggi da ste parti
comanneno in troppi e nun se smove gnente.

Donna Olimpia, vedova e ricca ereditiera, s’era risposata co Pamphiljo Pamphilj fratello de sto Papa Innocenzo X. Co li sordi aveva rinverdito le finanze de li Pamphilj e co la grinta javeva raddrizzato la schina. Quanno Giovanni Battista salì ar trono capì l’importanza de sta donna, capace de risorve ogni probrema, in ogni occasione se la portava appresso, ’na supplica, ’n’apparto, ’n’affare da portà a compimento pensava a tutto Olimpia che se moveva ne le stanze vaticane come si fosse casa sua. Je levava le castagne dar foco e er Papa se le magnava senza bruciasse.
Cor fratello Pamphiljo fece presa er vincolo der sangue “semo fratelli, quello che è tuo è mio”, la strada pe sta donna fu spianata e er popolino senza rispetto per l’autorità der Papa, come si Olimpia fosse la moje, la chiamò Papessa.

Stornelli a dispetto
Boromini
Sor cavajere
a Proserpína co le cosce all’aria
la mano je l’hai messa sur sedere
Bernini
Caro Francesco
che tu crepi d’invidia lo capisco
si ciai la mano calla tiella ar fresco
Boromini
Quanti quatrini
hai messo da parte a piene mani
co’ le commesse de li Barberini
Bernini
Sor Boromino
si dar marmo stai cosí lontano
er massimo che pôi fà è Sancarlino
Boromini
Cor colonnato
pensi d’avé toccato l’infinito
hai fatto li compiti chiesti dar papato
Bernini
Abbi pazienza
de compiti n’ho fatti in abbondanza
tu fino a mó hai fatto la Sapienza
Bernini
Ar bardacchino
m’hai dato ’na mano lì a San Pietro
si ce passo nun fo manco l’inchino
Boromini
Io dar Ticino
sò onorato d’esse qui a San Pietro
e davanti all’artare me ce inchino
Bernini
Falla fenita
io ar marmo je fo ’na serenata
tu sei fermo ar compasso e la matita
Boromini
La fo fenita
io nun sò bono a cantà la serenata
e tu a disegnà co la matita.

Giovanni Battista Pamphilj

La prospettiva der Boromini

Er vero e l’apparente sò fratelli
cammineno accostati l’uno all’artro.
Si pensi d’avé in mano le certezze
apri le dita e trovi solo mosche.
Pe ffattelo ricordà er Boromini
fece la prospettiva a Villa Spada,
nun è così longa come te sembra
quanno vedi le colonne tutte in fila.
Entrece dentro, prova a fà du’ passi
e caschi dall’apparenza dentro ar vero,
rischieresti de sbatte pure er grugno
si l’architetto avesse fatto un muro
invece de lasciallo a cielo operto.
Voleva significà che l’illusione
cià lo sguardo buttato ner futuro,
sempre si nun trova su la strada
un muro che appare come fosse er Vero.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.