#353 - 1 luglio 2024
AAAATTENZIONE - Cari amici lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del 31 LUGLIO PER LASCIARE IL POSTO AL N° 354 GIOVEDI' 1° AGOSTO. BUONA LETTURA A TUTTI . Ora ecco per voi un po' di SATIRA: Il Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia (M. Twain) - Quando le cose non funzionano in camera da letto, non funzionano neanche in soggiorno (W.H. Masters) - L'intelligente parla poco, l'ignorante parla a vanvera, il fesso parla sempre (A: De Curtis) - Il sesso senza amore è un'esperienza vuota, ma tra le esperienze vuote è la migliore (W. Allen) - Per alcune cose ci vuole tanta pazienza, per tutte le altre c'è la gastrite (L. Limbus) - Non avere un pensiero e saperlo esprimere: è questo che fa di un uomo, un giornalista (K. Kraus) - Le banche ti prestano denaro, se puoi dimostrare di non averne bisogno (B. Hope) -
Attualità

Tra conflitti religiosi, cultura corrente, scontro sui diritti civili.

Il Dibattito

di Amanzio Possenti

Da sempre cultura laica e realtà cattolica cercano l’incontro ed è un fatto positivo poiché l’universalità cattolica è segno vivo e costante di apertura vicendevole e di rapporto aperto e determinato a trovare la visione che vede in Cristo,figlio di Dio, il punto fondamentale di abbrivio e di arrivo.

Il Dibattito

Dunque nessuna polemica fuori luogo né tanto meno scontro bensì il desiderio di percorrere insieme e in modo responsabile un cammino di scelte e di valori: nella consapevolezza che se ideologia, materialismo, consumismo frenano la qualità e la forza del dialogo, tuttavia è importante per i cattolici non rinunciare a sapere che Cristo è al centro della storia e che se si abbandona questo criterio valutativo e fondativo diventa instabile stare sulla strada giusta, verso il riconoscimento che valorizza la cultura in ogni sua espressione.

La cultura del tempo, spesso priva del ‘Valore Dio’, invero inestimabile ed essenziale, cerca vie estranee e considera questa propria modalità intellettuale come segno di libertà di pensiero, nel quale l’uomo si sentirebbe autonomo protagonista: il disconoscimento della presenza divina conduce a posizioni pregiudiziali che dividono anzichè sviluppare il tentativo di incontrare un punto comune, pur se da basi di partenza differenti.

Il Dibattito

Uomini e donne di cultura - e non solo loro ovviamente - abbisognano di umiltà nella ricerca perché Dio si incontra nella semplicità, nella bellezza del Creato, nella gioia di un rapporto d’amore, nel sentirsi creature amate, nel cogliere i segnali del mistero della misericordia, nella quotidianità di gesti fraterni e dunque nella disponibilità a condividere con e in Lui la scelta di vita: oltre i miti del tempo, le illusioni e le fragilità delle cose.

Resta il bisogno dell’incontro con la visione cattolica liberatrice, che dona a tutti, laicisti e cultura connessa, lo stupore della Grazia che spalanca all’ Incontro personale con Cristo, nonostante l’ideologia che contamina l’armonia creatrice dell’idea. Per una Cultura, pur laica,ma viva e promotrice feconda di bene e di servizio all’uomo, anche il più lontano dalla fede.

Il Dibattito

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.