#351 - 11 maggio 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Costume e Società

Vita civile e politica statica

Perenne labirinto

di Amanzio Possenti

Perenne labirinto

In un aprile pazzerello dal punto di vista climatico, ecco alcuni temi, nazionali ed internazionali, dei quali si è discusso ampiamente nei giorni scorsi: l’esito (positivo per il centrodestra) delle elezioni regionali in Basilicata con un grosso vuoto di affluenza, 49,8%in tutto, meno della metà degli iscritti al volto, un risultato sconvolgente sul piano del crescente astensionismo; la buona notizia secondo la quale i lavoratori assunti a tempo indeterminato ( 473 mila in più rispetto al pre-covid) lasciano pensare che sono aumentate le attenzioni delle imprese e di conseguenza verso i lavoratori (ma avvenimenti recenti sui morti sul lavoro sono terrificanti); la battaglia parlamentare sulle autonomie differenziate; il crescere delle manifestazioni di piazza e i cortei (con scontri) pro-Palestina; il voto (italiano) a sorpresa al Parlamento di Strasburgo in tema di blocco non oltre il 3% dei bilanci degli stati europei; la presentazione delle liste e dei candidati alle elezioni Ue di giugno; il continuo confronto sulla politica migratoria; l’invio di nuovi armamenti specifici dagli Usa all’Ucraina; l’interminabile tragedia di Gaza e l’irrisolto problema dei 133 israeliani (si ignora quanti siano effettivamente vivi) ostaggi di Hamas; la annunciata presenza di papa Francesco al prossimo G7 (in Italia) che discuterà della Intelligenza artificiale; il super-parziale riavvicinamento diplomatico fra Usa e Cina(per altro distanti su Taiwan e sulla guerra per l’invasione russa in Ucraina); le statistiche oscillanti al minimo sulle ultime percentuali dei partiti; il nuovo codice della strada; l’avvio progettuale del ponte fra Calabria e Sicilia; i franchi, chiari e significativi discorsi del presidente Mattarella sul XXV Aprile e all’Assembea ONU; le imminenti elezioni comunali per sindaci e consiglieri in città e paesi d’Italia considerate come un termometro del polso politico fra centro-destra e centro-sinistra e movimento Cinque stelle alla pari delle attese per le Europee a regime proporzionale (ogni partito conta per se stesso, niente coalizioni) ; il caso Scurati-Rai; gli interventi della Magistratura sulle amminkstraziioni di varie Regioni… ecco questi alcuni motivi di dibattito fra pareri diversi.
Si discute molto, il che è positivo ma forse troppo spesso lo si fa poco serenamente fra i partiti, per cui tutto diventa complesso, inagibile, intrattabile, negativo e nuoce ad una costruzione di comuni interessi. Risultato: cresce l’acidità dei rapporti e le cose non migliorano: tutti ne siamo svantaggiati.

Perenne labirinto

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.