#350 - 20 aprile 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

In occasione dell'attuale "G7"

e per tutti i "G" esistenti nel gioco della politica

Scacchiere

di Dante Fasciolo

Il gioco degli scacchi non è nuovo,
da tempo lontano è il gioco degli intelligenti.
E coloro che si ritengono più intelligenti in questo mondo,
gli aderenti al club di nome G7, hanno allestito ancora una volta
un torneo del gioco, a Capri.

Le scacchiere sono molte, anche se il tavolo è unico,
ma gli impavidi giocatori si muovono con agilità
tra una scacchiera e l’altra,
abbandonando subito le partite che presumono perse,
soffermandosi invece su quelle che presumono vincenti.

Sono abili giocatori, navigatori di lungo corso:
non perdono mai di vista la conquista
delle caselle e la possibilità di dare scacco
al re o alla regina del campo avverso.
I più attaccati al potere e che si sentono potenti
giocano in funzione di questi due elementi;
i più timidi, ma desiderosi di conquiste,
azzardano mosse astute con torri e cavalli
e tutti, comunque, indaffarati a difendere
la propria scacchiera e che fa rima
col proprio interesse nazionale.

Solo per convenienza e oscure strategie
includono nel gioco i pedoni
il cui nome è ignorato nella scacchiera
ma che nella scacchiera del mondo un nome lo hanno.
Si chiamano guerra, fame, sottosviluppo, povertà,
sottooccupazione e miseria, malattia e ignoranza,
sfruttamento e repressione…
pedoni che vengono mossi strumentalmente
solo per giungere a trattare con più forza
per la più ambita e redditizia casella,
usando colonne, traverse e diagonali,
disegni cinici se tradotti in politica.

Spesso le partite di scacchi restano in sospeso,
nè vinti nè vincitori,
vincitori e perdenti a metà,
la sfida riprende al prossimo torneo.
Così è al G7 e tutti G esistenti: strategie vincenti, strategie perdenti
sono riconsegnate alle nere borse in pelle
con stemmi d’oro della nazione.
Arrivederci alla prossima partita.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.