#350 - 20 aprile 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
letteratura

Rubrica in lingua dell'Urbe dedicata ai Papi del passato
Da Alessandro VI ad Alessandro VII

Camillo Borghese

Papa Paolo V 1552 - 1605/1621

di Angelo Zito

Camillo BorgheseCamillo Borghese

Camillo Borghese, romano, venne eletto doppo er brevissimo papato de LEONE XI Medici (10/27 aprile 1605) che margrado er nome nun seppe curà un raffreddore preso durante una cerimonia a ponte Sant’Angelo e lasciò li romani addolorati perché da cardinale s’era tanto dato da fà e certamente sarebbe stato un Papa co’ li fiocchi. Camillo cosí prese er nome Paolo V e da romano se dedicò con impegno a la città. La villa Borghese fu l’inizio, inventata assieme ar nipote cardinale, co’l’opra ingegnosa de Flaminio Ponzio. Un giardino de quele dimensioni nun s’era mai visto e mai se ne vedrà più granne dentro Roma. All’architetto Maderno je diede da rifà la facciata de San Pietro e già che c’era de risistemà pure la pianta diversamente da come l’aveva immagginata Michelangelo. Provò a convince Galileo che era la tera ar centro de l’universo e no er sole, quello nun ne volle sapé e pe nun fà troppe storie co la Cchiesa finí a fà l’abiura co bona pace sua e de tutte le autorità der vaticano. Er Papa ciebbe un debbole pe Caravaggio, che javeva pure fatto er ritratto, e concordò lo scambio de la pena capitale co quarche quadro che er pittore, fuggito da Napoli, je stava portanno co la nave. Queli quadri finirono in fonno ar mare assieme a le speranze de l’artista che nun tornò mai più a Roma. E poi er fontanone de l’acqua Paola.

Camillo Borghese

Er fontanone del Gianicolo
“Quell’acqua da le parti de Bracciano,
che Traiano se beveva ar tempo suo,
la dovemo riportà com’era allora
dentro a le fontane de li romani”
Paolo V annava pe le spicce,
je serviva l’acqua ar vaticano
e diede da fà l’opra a quer Fontana
un po’ perché er nome porta bene
e in più pe avé già fatto l’acquedotto
pe Felice Peretti, Sisto V,
pure si a Santa Susanna quela Mostra
nun ciaveva er favore de la gente.
“Sta vorta la Mostra l’hai da fà bella
no come quella der Mosè accorciato,
ce vojo cinque archi sopra ar colle
che zampilleno l’acqua in una vasca,
li romani hanno da vède sto trionfo
der Gianicolo che caccia fori acqua”.
E lo viddero e ce se fracicorno
quanno a la prima apertura de la fonte
da lo strapiombo venne de sotto
tant’acqua da gonfià perfino er fiume.
Te metto a parte de quanto venne doppo:
quela granne vasca circolare
e quer piazzale come ‘na terazza
che s’affaccia sopra er panorama
de case de cchiese de giardini,
fu opra de Papa Alessandro sette
che a la fine der secolo seicento
riempí lo strapiombo co la tera
e inventò ar pari de un poveta
la vista che te smove er sentimento.

Camillo Borghese

Caravaggio
Stamme a sentì te vojo riccontane
la storia de ‘n pittore origginale
sceso da le pianure de Milano
pe viení a trovà fama e ricchezza
da le parti de Roma papalina.
Invece de trovà quanto cercava
quella co la farce lo fermò a la spiaggia
a sputà sangue e sabbia tra le mani.
Tra li ladri li magnaccia le mignotte,
co quarche amico de stanza a li palazzi,
tirava co li colori fino a notte.
Er sangue riccontato su la tela
jera compagno de strada e de bordello,
le mani in tasca nun se le teneva
mó cià er pennello, appresso cià la spada.
Er cardinal Del Monte e Giustiniani
lo fecero conosce dentro Roma
e lui dipinse er sacro ner profano:
la madonna che pare “morta gonfia”
e li santi deformi a piedi ignudi
stravorsero er concetto der divino.
Ma fu tradito pe corpa de ‘na spada
ficcata in petto a un compagno d’osteria.
Condannato a la pena capitale
scappò co’ l’aiuto de li Colonna,
Napoli, Marta, Sicija “torno a Roma
speranno che Paolo V me perdoni”
Ma li quadri in cambio de la grazzia
annorno a fonno dentro quer mare
che lo lasciò co la rena tra le mani
a maledí quer monno maledetto
ner quale aveva portato nova luce.
crocefissione di San Pietro - Santa Maria del popolo

Camillo Borghese

Artemisia Gentileschi
Gentilesca sin da regazzina
giocava co colori e co pennelli,
la bottega der padre era la scola
e ner nome portava scritto er destino.
Fu proprio l’Arte a vince la partita
contro li soprusi e le torture
der monno fatto a immaggine de l’omo,
pianse e ripianse e nu lo diede a véde.
Susanna ignuda all’occhi de li vecchi
fu er manifesto der combattimento,
pensa, un’artista de diciassettanni
trionfava su la morale de quer tempo.
Er seicento che principiava allora
avrebbe visto er trionfo der barocco,
ma lei ancora co li piedi a tera
co Maddalena, Giuditta e tante artre
fece risartà sopra la tela
la luce che sorte vivida dar buio.
Er sangue, la carne e li drappeggi
l’istessa mano de quer Caravaggio
che aveva conosciuto tempo prima.
E rimane ne la storia der pennello
tra li granni artisti e no perch’era donna,
nun ne famo ‘na bandiera d’occasione
de li dolori che ha provato ne la carne.
E nemmeno damo fiato a li preti
pe loro le donne: sante o puttane!
“Rispettate l’orgojo de ‘n’artista:
io santa mai! Sò solo ‘na pittrice”.

Scipione Borghese
Esse nipote der Papa Paolo V
si ciai la mente sveja è ‘na fortuna,
in quanto a questo Scipione era dotato.
A sbrigà carte pe conto de lo zio
accumulò più sordi che quatrini,
ma da bravo cardinale de la Cchiesa
distribuí sussidi a destra e a manca
e a la città rigalò tesori eterni
che nun ce sò parole a riccontalli.
Portò a termine “er cembalo”, un palazzo
che porta er nome suo: Borghese,
un’artra de le quattro meravije
che sò er vanto de Roma capitale.
E allo stesso architetto Ponzio Flaminio
j’ordinò er disegno de ‘na la villa
da fà morì d’invidia li Farnese.
Fontane cascatelle giochi d’acqua
giardini tempietti capitelli
ninfe puttini arberi fronduti,
e per trionfo suo la galleria
ndove mette in mostra li tesori
commissionati a li mejo artisti.
Se pô volé de più da un cardinale?
Se pô, se pô, abbasta quarche nome
Raffaello Tiziano Caravaggio
e da urtimo er cavalier Bernino
che si ciai tempo, famme pijà un po’ fiato,
te lo ricconterò ‘n’artro momento.

Camillo Borghese

Bernini e Scipione Borghese
Davidde, Apollo e Dafne, Proserpína,
come l’ha scorpiti l’architetto
pareno l’artisti de na scena
in equilibbrio come pe ‘n balletto.
Davidde er corpo attorto come un gatto
la faccia pare quella der Bernino,
Dafne diventa arbero d’un botto
pe scappà da Apollo malandrino.
Proserpína rapita da Prutone
guasi je caccia l’occhi inviperita
ma quello nun vô sentí raggioni.
Bernini smove er marmo co’ le dita.
Si l’incarico viene da Scipione
l’arte deve da esse sconfinata

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.