#350 - 20 aprile 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Costume e Società

La respondabilità della società civile

Cronaca deluttuosa

di Amanzio Possenti

Due fatti di natura diversa emergono dalle ultime cronache: le sette vittime sul lavoro nell’esplosione di una centrale idroelettrica e il problema del voto (pagato) di scambio.

Cronaca deluttuosa

La tragedia sul lago di Suviana aggiunge una catena di ulteriore grande dolore alla serie dolorosissima di vittime del lavoro, sette in più e in una sola circostanza, sciagure che purtroppo non hanno fine,anzi crescono,se come affermano le statistiche, ogni giorno mediamente sarebbero tre i lavoratori che muoiono nel luogo dove sono attivamente impegnati.

Ci si continua a chiedere, a tutti i livelli, istituzioni e società civile, come sia possibile un così tragico stillicidio: in mancanza di risposte concrete, occorre affidarsi alla sicurezza che prevede norme severe - da rispettare - per la tutela di chi lavora.
Le responsabilità, in ogni caso, saranno accertate dalla magistratura.
A noi spetta il compito di segnalare, di partecipare allo sgomento dei familiari e del pubblico, di osservare statisticamente una situazione drammatica e di auspicare che le disgrazie sul lavoro seguano la via di una consistente discesa, per ristabilire che esso non deve comportare morte.
E’ molto grave, inaccettabile, morire sul lavoro, per incidenti, manovre sbagliate, errori umani o a causa di macchinari che non funzionano, realtà tragiche e rapide da impedire vie di salvezza. Se vi siano responsabilità, accidentali o no, si chiarirà: troppe sciagure insanguinano il percorso di lavoro, in un cantiere, per un trattore che si capovolge in campagna o per uno scoppio, situazioni che da normali si trasformano in tragiche.
Posto che le norme a garanzia della sicurezza siano sempre ed ovunque osservate e l’aumento dei controlli e della prevenzione (si ha bisogno di più ispettori del lavoro, chiedono sindacati) sostenga una condizione di lavoro garantita in ogni fase, resta il dolore per le troppe vittime e per le famiglie colpite. Per le quali si eleva una preghiera di solidarietà e di intercessione.

Cronaca deluttuosa

Il voto di scambio, momento negativo (e grave) nella storia democratica: i casi emersi in questi giorni e al vaglio delle Procure - dunque in via di accertamento giudiziario, si attendono gli esiti delle indagini - indicano l’urgenza di ridare spazio pieno alla legalità, alla onestà, alla chiarezza, alla presentabilità del candidato e alla intransigenza contro comportamenti illeciti.
Votare ed eleggere è diritto-dovere da esercitare nel rispetto delle regole e della lealtà . Per un servizio alla democrazia e alla comunità, non altro.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.