#349 - 6 aprile 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Attualità

Dalla Risurrezione alla Speranza
Il difficile cammino dell'uomo

La gioia assente

di Amanzio Possenti

E’ triste pensare alla Pasqua segnata da guerre, eppure anche quest’anno non abbiamo incontrato la Pace, bene supremo legato alla Risurrezione, anzi siamo peggiorati con l’aggiunta alla tragedia in Ucraina di nuove azioni belliche nella tormentatissima Palestina tra Israele e Gaza.

La gioia assente

Mentre l’inno pasquale è invito indistinto alla Gioia in Cristo Risorto e i cristiani la fanno propria nel segno di Gesù che vince la morte, questa regna atroce fra vittime di bombardamenti, case distrutte, lacrime di dolore immenso, soldati che muoiono, assenza di Gioia partecipe.
L’uomo non sa fermarsi a meditare su guerre che ne innescano altre, ad individuare nella bellezza dei rapporti d’armonia fra i popoli il senso insostituibile della convivenza, a capire che distruggere vite fra stragi e orrori è enormità intollerabile, miseria senza speranza: il linguaggio umano si disumanizza e getta nello strazio intere ed inermi popolazioni.

La gioia assente

Addio felicità ricercata. Tra volontà di potenza aggressiva, autodifesa, violenze inaudite e rabbrividenti, reazioni esasperate, crudeltà orribili, imposizione della forza, difficoltà a trovare le ragioni di una negoziazione di pace - parola dimenticata nei vocabolari fondati su un lessico che cancella ogni Valore - il mondo si ritrova schiavo di aberrazioni e di progetti di vendetta.
Come non bastasse e la Pasqua non inducesse a ripensare alle nostre impietosità e a guardare con umiltà dentro l’anima per amare e non per dividere, si profila la prefigurazione dell’uso (possibile e minacciato) dell’ arsenale atomico-nucleare, che turba la quiete umana e soprattutto rende l’umanità prigioniera di conseguenze inimmaginabili qualora dalle minacce verbali e dai muscoli mostrati con prepotenza si passasse - spero ardentemente di no – al lancio di codesti strumenti micidiali.

La gioia assente

La Pasqua è segno di amore, di tenerezza scambiata, di desiderio di stare insieme nel rispetto reciproco.
Cristo è Risorto anche per consentire alla fraternità umana di riunirsi nella pace e di convivere con essa senza distinzioni di popoli e culture.
Se comprendessimo di essere tutti fratelli nella medesima barca di vita e ci comportassimo come tali con convinzione e fede, il futuro non aggiungerebbe ulteriori segnali di morte nello scontro fra superpotenze pronte a competere per dominio non nella letizia della fraternità: che Francesco continuamente invoca e proclama affinchè prevalga l’Amore rasserenante del Risorto. E torni il sorriso della speranza.

La gioia assente

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.