#346 - 17 febbraio 2024
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Editoriale

Catene

di Dante Fasciolo

Pareti impregnate di urla e dolore
testimoni privati d’aria e di sole
nascondono corpi tumefatti.

Ordigni macabri e ingegnosi
torturano le carni ed i sensi,
contrassegnano pesanti catene.

Giustizia impotente alle prove
taglia corto e sentenzia,
assenti diritto e rispetto.

Secoli bui di un medioevo
duro a morire nei cuori induriti
dalla effimera gloria e il potere.

La pelle bruciata è peccato
non merita vivere in patria
occorrono braccia di schiavi.

Catene forgiate di irrisione
vergogna di uomini strappati
ricurvi su terra lontana.

Ancora trascinano i nostri giorni
le insane catene di sempre emule
di efferati delitti di lesa maestà.

Sono catene al cuore e all’anima
di una civiltà distratta e frettolosa
ignara dei doveri e senso della vita.

Non basta imbiancare pareti
a nascondere peccato e ferocia,
del giusto manca il pensiero.

Occorre sciogliere per sempre
le infamanti catene di castigo
perchè la pena solchi l’umana giustizia,
e quelle mortificanti la coscienza
degli elevati a giudicare
perchè il giudizio sia aria e sole
e non sia solo atroce dolore.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.