#3456 - 3 febbraio 2024
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 1° marzo, quando lascerà il posto al numero 347. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Costume e Società

Carnevale a Castello

di Angelo Zito

Carnevale a Castello

Seguimo la corente - che te spigni?
Chiudi l’occhi e te trovi dentro fiume
C’è er viterbese co’ le callaroste - a quanto le fate?
‘Na cartocciata e me dai du baiocchi - abbi fortuna e dormi

Carnevale a Castello

Come te sei ammascherato? - da tedesco?
Dai famo presto - semo quasi arivati a ponte
Bono co’ le mani ciò er cortello - a sor nasone fateve da parte
Anvedi er gobbo - quell’antro è matamoro
Se ‘n se sbrigamo finisce tutto in gloria come l’artr’anno

Carnevale a Castello

Ste scarpe so’ du’ nummeri de meno - sei stato a la via Lata?
Si ce so stato? all’artezza de San Carlo
ho dato ‘na puncicato a ‘n cavallo
nun pôi sapé li zompi che faceva
E pe’ li moccoletti che te metti? - già mó te le vengo a dine
Domani ne spegno ‘na ventina - so tutti baci

Carnevale a Castello

Ecchelo è lui, l’ho visto ..che figura de omo....
Se vede che viè da la Spagna. - hai visto er naso?
Er papa! er papa! viva Alessandro nostro!
Er popolo de sotto de la Mole
chiedeva ar Papa la benedizzione
e quello arzava la mano pe’ fà scena
e co’ l’artra smucinava tra le cosce
de Giulia Farnese che teneva accanto.
Lo sapeveno tutti ch’era un bojaccia.

Carnevale a Castello

Tre erano li fiji e tante più l’amanti
e nun te dico le feste lì a Castello.
“Prima o doppo je tocca pure a lui”
“La morte nun s’augura a nissuno
è sempre un papa, l’ha mannato Cristo,
tanto si more poi ne viene un antro
e la storia ricomincia come prima”
“Zitto che adesso parla famme sènte”
“C’ha detto? Un po’ de rispetto gente
mó parla er papa nu’ strillate forte”
E in quela confusione le parole
ariveno smozzicate tra la folla.

Carnevale a Castello

Pare che sta a parlà der carnevale
dice de magnà carne tutti li giorni
“Carnem levate, portatevela a casa,
e mica solo pecore e abbacchietti
fate er pieno de ommini e de donne che
fino a Cristo risorto semo in Quaresma”.

Carnevale a Castello

Tra maschere coriandoli pizzichi e baci
er popolo ha capito che er Vicario
ha parlato come un padre de famija,
tanto lui de ste cose se ne intenne,
e che er giorno dopo de la festa
te devi da pentí, fà penitenza.
Vedi che vôr dí de esse papa
che sai legge ne la mente de la gente,
e senza volello ha ripetuto
quello che predica er prete sull’artare.

Carnevale a Castello

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato.