#341 - 2 dicembre 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
curiosità

Autolaghi

di Roberto Bonsi

Nell'operoso nord-ovest della nostra bella Italia, in terra di Lombardia, c'è un "nastro d'asfalto", comprese le sue tre diramazioni, che dalla "grande" Milano, quindi dal suo … ampio "cuore" e dal suo immediato popoloso "hinterland", si attraversa il florido territorio della Brianza, macroregione molto “green” della Lombardia stessa, terra che è sempre stata considerata, dati alla mano,insieme alla regione stessa, la ... "locomotiva" dell'Italia tutta.
Il "nastro d'asfalto" unisce Milano con la bella Como, città capoluogo di provincia, luogo ameno e massimo centro rivierasco del Lario, e questo è l'altro nome di cui si fregia il bacino lacustre in questione, che come si sa porta il nome per l'appunto di Lago di Como.

Autolaghi

Le strade delle quali scriviamo, ovvero le tre diramazioni sopra citate, vede la prima, che unisce quindi Milano a Como, poi c'è la Gallarate, Vergiate, Sesto Calende, che porta anche all’Aeroporto intercontinentale della Malpensa (n.d.a.: il principale “hub”del nord-Italia), ed infine c'è il collegamento con la stessa città di Varese. Queste strade, in realtà sono delle autostrade, e sono sotto l'egida amministrativa della Società: "Autostrade per l'Italia", nata nell’anno 1962.

Autolaghi

Da anni ed anni si dice in giro che l' autolaghi, così è chiamata per abbreviare, viene considerata la prima autostrada al mondo, ma a dir il vero, questo non corrisponde del tutto, in quanto prima dell'"Autolaghi" ne furono costruite altre all'estero, e più avanti vi spiegheremo il perché di questa sottigliezza appena espressa.

Al momento attuale la nazione europea che ha più ampi percorsi e nodi autostradali è la Spagna, mentre il nostro Paese al suo confronto ne possiede la metà circa. Negli U.S.A. e precisamente nello Stato di New York, nel lontanissimo 1906 fu costruita la “Long Island Motor Parkway”. Nel 1909 nei pressi di Berlino, capitale della Germania è nata l’AVUS, un’autostrada che venne poi aperta al traffico automobilistico ben dodici anni dopo.

Autolaghi

L’ingegner Piero Puricelli, Conte di Lomnago fu il tecnico che ideò l’”Autolaghi”, ed il 21 settembre 1924 in quel di Lainate, poco fuori Milano, fu aperto il primo tronco, che poi ha unito la metropoli lombarda con la città di Varese.
Si dice comunque che la Milano-Laghi è a tutti gli effetti la prima in assoluto, in quanto le altre autostrade comprese quelle menzionate, furono dapprima dei tracciati per delle corse automobilistiche, e che poi col tempo divennero delle autostrade “tout-Court”, mentre quella italiana sopra citata fu subito aperta al traffico privato e con il pedaggio, per compensare così i notevoli costi di costruzione e di gestione.
La “Milano-Laghi” in alcuni tratti ha ben cinque corsie, sempre per lo scorrimento veloce del traffico, e la stessa è siglata con l’ alfanumerico A/8, e qui vi scriviamo del tratto tra Milano e Varese, mentre l’A8/26 è così per l’intera sua estensione, mentre la Gallarate, Vergiate, Sesto-Calende è l’A/26.

Autolaghi

Il Sovrano dei tempi menzionati, cioè il re Vittorio Emanuele III° di Savoia-Carignano, inaugurò l’autostrada in questione, entrando in essa con il suo seguito automobilistico, cioè con la parata di cortigiani, nobili e politici. Il re era a bordo di una fiammante “Lancia-Trikappa”. Fino all’avvento della Repubblica i casellanti avevo gli obblighi della divisa e del saluto militare, quest’ultimo al passaggio e all’uscita nonché alla richiesta di informazioni da parte degli automuniti, ed anche alle barriere per il pedaggio che gli stessi, come del resto oggi, devono pagare.

Autolaghi

Insomma, in un battibaleno, dalla bella e mai inoperosa Milano, si raggiunge il magnifico patrimonio dei bei laghi lombardi. Sul percorso verso questi bacini lacustri, Il Lago di Como, il Maggiore o Verbano, ed il lago di Varese, ci sono tante piccole e grandi meraviglie da scoprire e conviene andarci, ne vale davvero la pena, per l’interesse paesaggistico ed architettonico di quei luoghi.
Al momento della sua inaugurazione il giornale: “La Tribuna di Roma” ebbe a scrivere: -”Viaggio attraentissimo su un cemento liscio come un "parquet", senza callaie insidiose o ciclisti o simili da mandare all’altro mondo”-, ed è il caso di dire che tutto questo fu proprio scritto così, come dire …, papale, papale!. Furono costruiti 17 caselli ed anche ben 100 km di nuove strade di raccordo, e nei primi tempi l’autostrada apriva alle ore 6 mattinali e chiudeva alle ore 01 di notte.

AutolaghiAutolaghi

Per questa opera così gigantesca per quegli anni, fu emanata una normativa ufficiale risalente al “Regio Decreto n.° 1740 dell’anno 1933”, ed alla vigilia del Natale dell’anno 1968 fu completato ed aperto al traffico automobilistico il tratto che da Como arrivava così come è oggi alla galleria del Monte Olimpino, percorso posto proprio sopra la città in questione ed il prospiciente lago, da cui si gode un panorama superlativo, un percorso che inizialmente era un allacciamento in un solo senso di marcia, quello che portava a Como. Qualche anno dopo fu inaugurato anche il tragitto autostradale che porta al confine italo-svizzero, quello meglio conosciuto come valico di Brogeda. Psss!. Al momento la velocità massima consentita per Legge lungo le autostrade italiane, comprese quelle che sin qui abbiamo elencato è di 130 Km. all’ora, poi vi sono alcune varianti a seconda dei cambiamenti climatici, ma anche se è ammessa la velocità e l’evitare i centri abitati (n.d.a.: scopo primario per cui sono nate le autostrade), bisogna assolutamente muoversi e viaggiare con tanta attenzione e soprattutto usare acume, onde evitare gli incidenti ed anche gli omicidi stradali. Si dice comunque che CHI VA PIANO VA LONTANO, oppure: A CHI VA FORTE L’ATTENDE LA MORTE ed in questo nostro caso, scriviamo: GUIDA, MUOVITI E AVANZA, MA CON IL SENNO DI POI …

AutolaghiAutolaghi

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.