#339 - 4 novembre 2023
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
turismo tempo libero

Conoscere la cultura degli altri

Porta del deserto: aride savane punteggiate di baobab, manghi e karitè
qui iniziano le maestose dune del Sahara.

Due Festival nel Mali

Due Festival nel Mali

Punto di incontro geografico e culturale tra l’Africa del Nord e quella subsahariana, il Mali è da sempre crocevia di popoli e traffici carovanieri. È la porta del deserto dove terminano le aride savane punteggiate di baobab, manghi e karitè ed iniziano le maestose dune del Sahara. Una nazione di enormi attrattive culturali e turistiche – penalizzata dall’instabilità che permane nel Sahel.

Dopo il lungo forzato isolamento, dovuto alla situazione di instabilità che permane nella regione del Sahel, il tour operator Kanaga Africa Tours torna a organizzare un viaggio – dal 25 gennaio al 4 febbraio 2024 - in quelle regioni del Mali dove le attuali condizioni di sicurezza permettono di apprezzare il patrimonio culturale del Paese.

Per comprendere la ricchissima cultura maliana e il suo variopinto mosaico di tradizioni e popoli, è necessario risalire alle sue radici più profonde che nascono tra le verdi colline del Pays Mandingue, terra impregnata di mito e di spiritualità ancestrale.
Un viaggio nella cultura più autentica del Mali, tra divinazioni e danze propiziatorie dei valorosi cacciatori bambara (donso) e antiche leggende cantate dai griots. Luoghi storici dove Soundjata Keit e il generale Kamandjan Camara, nel Medioevo, pronunciarono oralmente la prima carta dei diritti umani in Africa e compirono le loro gesta eroiche, tra grotte sacre e archi rocciosi miracolosi.

Paesaggi incantati e cascate nascoste tra le spaccature della roccia, vallate di manghi e piante selvatiche dai poteri terapeutici, piccoli villaggi di argilla dove si dice che gli abitanti posseggano ancora il potere occulto di trasformarsi in leoni. Ma l’essenza del Mali è anche la caotica contemporaneità della capitale Bamako, con il suo fermento culturale, le sue contraddizioni e la sua “fantasiosa” decadenza urbana. Due facce della stessa medaglia.

Due Festival nel Mali

Il Musée National, che conserva reperti di inestimabile valore provenienti dal sito di Djene-Djeno e dalla Regione Dogon, un tempo abitata dall’antica popolazione Tellem; il movimentato Grande Marché, dove perdersi per ore, il pittoresco mercato dei feticci, tra ossa, pelli animali e portafortuna di tutti i tipi (gris-gris), fino a quello del riciclo, tra un horror vacui acustico e fuliginoso, che riporta a nuova vita i metalli riciclati; dulcis in fundo l’incontro con il marionettista/artista/stregone Yaya Coulibaly, che custodisce la più grande collezione di marionette del Mali e tramanda questa antica arte teatrale, scultorea e terapeutica in giro per il mondo.

Il viaggio speciale di Kanaga Africa Tours – dal 25 gennaio al 4 febbraio – coinciderà inoltre con i due festival più importanti del Mali, quello di cultura dogon “Ogobagna”, a Bamako, tra spettacoli di lotta tradizionale e danze delle maschere, ed il Festival sul Niger di Ségou, con concerti live, vernissage e corse di piroghe.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.