#338 - 21 ottobre 2023
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Poesia

Perchè le scarpe

In certi villaggi dell’Africa molti giovani camminano a piedi nudi.
La pianta dei loro piedi è diventata con l’uso come una suola di scarpa.
Le scarpe sono un segno di ricchezza, sono superflue.
Per questo motivo sono oggetto di ruberie per chi non ne possiede.
Oltretutto quando si va a dormire chi ha le scarpe se le toglie e diventano una facile preda per chi vuole rubarle. Spesso le scarpe si tramandano di padre in figlio e conservano in questo modo una storia della famiglia, sono una testimonianza di affetto e di benessere. In fondo poi chi ha le scarpe le usa quasi soltanto in occasioni particolari, come andare alle funzioni in chiesa ed essere orgogliosi di mostrarle a chi non le possiede.
Da qui la ripetizione come una nenia (un blues appunto) “perché me le hai rubate?”
Le scarpe sono anche un evidente segno della visibilità, della identità di chi le indossa.

Le scarpe

blues di un invisibile

di Angelo Zito

Sto andando al fiume, fratello,
ridammi le mie scarpe
non mi servono per camminare
i miei piedi sono più forti
delle scarpe
perché me le hai rubate?
Il giorno del Signore devo mettermi
le mie scarpe lucidate
non posso presentarmi a piedi nudi.
Tutti devono vedere che ho scarpe belle
la casa del Signore risuonerà
dei miei passi,
le scarpe mandano un suono
come il topo che parla
perché me le hai rubate?
Sono un ricordo di mio nonno.

Se incontri mia madre
dà a lei le mie scarpe
e se vedi mia sorella
puoi darle anche a lei
sono belle le mie scarpe
mio nonno le ha portate per tanti anni
perché me le hai rubate?

mamma dammi le scarpe
dormi figlio mio
me le hanno rubate
stai sognando, non ti servono
come posso attraversare il deserto
la Libia è lontana
e il mare
non l’ho mai visto
-sulla barca non ti servono
erano sporche ma erano della mia misura
le scarpe
non ho nemmeno più quelle
non ho più niente
-sogna sogna
sei padrone di tutto nei tuoi sogni
gli alberi del villaggio hanno scarpe
ad ogni ramo
ma io voglio le mie
con quelle
potrei arrivare in Germania
tutti vedrebbero che ho scarpe belle.
e forse potrebbero ricordarsi di mio nonno
-era un bell’uomo mio padre
era giovane come te
quando partí

Se andando al fiume, fratello,
incontri mia madre
salutala per me
e se incontri mia sorella
saluta anche lei, per me,
ma ricordati fratello di ridarmi le scarpe
magari una a mia madre e
l’altra a mia sorella,
sarebbe un gesto di pietà per mio nonno.

-Dormi figlio dormi
domani il viaggio è lungo
non saranno le scarpe ad impedirti
di arrivare
io ti conserverò i lacci
e con quelli
abbraccerai il mondo.

Dormo ormai
non riesco a contare
tutte le scarpe che mi girano attorno
di tutti i colori
di tutte le forme,
tra tante però
non vedo le mie
farebbero la loro figura,
nella casa del Signore
anche i topi correvano
ad ascoltarle,
erano il vanto del nonno
che peccato!
Perché me le hai rubate, fratello?

Le scarpe

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.