#337 - 7 ottobre 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Pagine Preziose

Se è vero che sono gli uomini a caratterizzare i luoghi, a dare loro riconoscibilità,
a renderli affascinanti, è poi vero che sono i luoghi a restituire ricordi, affetti, nostalgie,
a pretendere un costante richiamo, una sottile ragnatela che avvolge i nostri desideri.

Mare di Sicilia

15 - Aci Trezza

di Angelo Zito

Ogni anno il 24 giugno si celebra nelle acque di Aci Trezza, davanti ai faraglioni di Polifemo e non lontano dalla casa del nespolo dei Malavoglia, la festa de ‘u pisci a mari. Un nuotatore come fosse un pesce tenta di sfuggire alla presa dei pescatori. E ogni volta che viene tirato su una barca riesce a rigettarsi in mare fino a che conquista la sua libertà tra gli applausi di quanti hanno partecipato alla festa.
Il rito ricorda la lotta tra l’uomo e il mare.

Mare di Sicilia

‘U pisci a mare

Si agita l’acqua sotto la spinta
di potenti bracciate,
si finge pesce l’uomo
per rinnovare l’usanza della pesca,
e sfugge alla presa di altre braccia
come il tonno riesce talvolta
a scivolare via dalla barca assassina.
Le voci incitate dal rais
esaltano la lotta
e levano grida festose
quando ‘u pisci a mari
riacquista gli spazi liberi
dell’acqua.
Gli scogli di Polifemo assistono
al rito, muti.
Il nespolo di padron ‘ntoni
continua a dare i suoi frutti.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.