#337 - 7 ottobre 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
letteratura

Iniziamo la nuova rubrica nella lingua dell'Urbe
dedicata ai Papi di un tempo che fu.

Rodrigo Borgia

Papa Alessandro VI 1431 - 1492/1503

di Angelo Zito

(1).................................................................................. (2)
Si giri pe’ l’Urbe mani in saccoccia ..................... La storia è lunga e a riccontalla tutta
e vaghi co’ lo sguardo tuttattorno. ...................... nun basterebbe manco er padre Dante.
scopri le meravije der passato:........................... ...Che dico Dante? Famo Giovacchino
ponti fiume monumenti cchiese ...........................Salustri Zanazzo Pascarella
pitture capitelli serci antichi. .................................o l’antiquario Jandolo er poveta.
Nun arzà la testa, essi modesto,......................... ..Io m’accontento de parlà de l’anni
tutta robba che nun t’appartiene ..........................che vanno dar Papa Borgia fumantino
te l’hanno data in custodia, trattala bene,..........insino ar colonnato de San Pietro.
tu sei solo er portiere e la consegni..................... .In quell’anni Roma se trasforma
quanno verà er momento a li nipoti......................pija forma spirito e sostanza
Te basta de sapé che hai fatto un tratto.............. .se fa moderna e antica all’occhi d’oggi
pe’ conservalla pe’ l’eternità................................ ..e se consacra bellezza universale.

.................................................................................................................................................

Rodrigo BorgiaRodrigo Borgia

Er 400 ormai era a li sgoccioli. Er secolo che aveva messo l’omo ar centro der monno nun trovò la Cchiesa impreparata. Er campione da mette in campo ce l’aveva, e che campione, più omo de lui era difficile trovallo.
A 25 anni Rodrigo Borgia era già cardinale nominato dar Papa Callisto III, che guarda caso era su’ zio. Sognava de diventà Papa e si nun fosse stato pe’ la rivalità cor cardinale Giuliano della Rovere già dopo Sisto IV (1471-1484) er gioco era fatto. Ma da la fumata seguita ar concistorio venne fora un artro nome: Papa Innocenzo VIII (1484-1492) de la famija Cybo. Nun se dette pe’ vinto e intignò tarmante tanto che alla fine der Cybo fece indigestione e coronò er sogno suo cor nome de Alessandro VI .
Nun era più un rigazzino dato che ormai ciaveva 79 anni co’ tanto de famija a carico: quattro fiji avuti da la locandiera Vannozza Cattanei. Li fij se sa, pure si sei Papa, te danno li pensieri e questi ortretutto ciaveveno li nomi riportati ne li libbri de la Storia: Cesare e Lugrezzia Borgia. Ho detto tutto. Ma in mezzo all’impicci ce sguazzava e se innammorò de la più bella rigazzina ammirata da tutti li romani, Giulia Farnese, sorella de Alessandro che sarebbe diventato Papa Paolo III.
Feste, banchetti, intrighi, favorí soprattutto la famija e queli cardinali che se prestaveno ar gioco der potere.
A Savonarola, er frate “piagnone” che continuava a predicà contro la corruzione dentro der vaticano, je fece provà l’abbraccio de la forca e pe’ nun core rischi l’abbruciò cor foco e poi lo mise a galleggià nell’Arno.
A Roma principiò li lavori pe’ aprí la strada che ariva dritta fino a San Pietro, da Recta prese nome Alessandrina quella che sarebbe poi diventata la Lungara. E ne l’appartamenti ar vaticano chiamò Pinturicchio pe’ fasse fà l’affreschi.

Si te piaceno le feste la Cchiesa nun è er posto più adatto e quer Castello fatto da l’antichi romani, pieno de sale, saloni, terazze era er posto ideale pe’ l’esigenze private de Alessandro.
Per Papa è mejo de ‘na reggia, mejo de sta in Vaticano, nun senti la puzza de l’incenso e quanno t’affacci a la loggetta ciai er popolo vicino che te sente, nun devi parlà dentro a ‘n’imbuto.

Carnevale al Castello

Seguimo la corente - che te spigni?
Chiudi l’occhi e te trovi dentro fiume
C’è er viterbese co’ le callaroste - a quanto le fate?
‘Na cartocciata e me dai du baiocchi - abbi fortuna e dormi
Come te sei ammascherato? - da tedesco?
Dai famo presto - semo quasi arivati a ponte
Bono co’ le mani ciò er cortello - a sor nasone fateve da parte
Anvedi er gobbo - quell’antro è matamoro
Se ‘n se sbrigamo finisce tutto in gloria come l’artr’anno
Ste scarpe so’ du’ nummeri de meno - sei stato a la via Lata?
Si ce so stato? all’artezza de San Carlo
ho dato ‘na puncicato a ‘n cavallo
nun pôi sapé li zompi che faceva
E pe’ li moccoletti che te metti? - già mó te le vengo a dine
Domani ne spegno ‘na ventina - so tutti baci
Ecchelo è lui, l’ho visto ..che figura de omo....
Se vede che viè da la Spagna. - hai visto er naso
Er papa! er papa! viva Alessandro nostro!
Er popolo de sotto de la Mole
chiedeva ar Papa la benedizzione
e quello arzava la mano pe’ fà scena
e co’ l’artra smucinava tra le cosce
de Giulia Farnese che teneva accanto.
Lo sapeveno tutti ch’era un bojaccia.
Tre erano li fiji e tante più l’amanti
e nun te dico le feste lì a Castello.
“Prima o doppo je tocca pure a lui”
“La morte nun s’augura a nissuno
è sempre un papa, l’ha mannato Cristo,
tanto si more poi ne viene un antro
e la storia ricomincia come prima”
“Zitto che adesso parla famme sènte”
“C’ha detto? Un po’ de rispetto gente
mó parla er papa nu’ strillate forte”
E in quela confusione le parole
ariveno smozzicate tra la folla.
Pare che sta a parlà der carnevale
dice de magnà carne tutti i giorni
“Carnem levate, portatevela a casa,
e mica solo pecore e abbacchietti
fate er pieno de ommini e de donne che
fino a Cristo risorto semo in Quaresma”.
Tra maschere coriandoli pizzichi e baci
er popolo ha capito che er Vicario
ha parlato come un padre de famija,
tanto lui de ste cose se ne intenne,
e che er giorno dopo de la festa
te devi da pentí, fà penitenza.
Vedi che vôr dí de esse papa
che sai legge ne la mente de la gente,
e senza volello ha ripetuto
quello che predica er prete sull’artare.

Poteva vive in eterno un omo così bono? In tanti se lo voleveno levà de torno e fu pe’ ‘n’accidentale scambio de veleni che passò dall’eternità ar sonno eterno.

Papa Alessandro Sesto Borgia
nun ciaveva tempo pe’ dà li resti a tutti.
Mó Valentino, er fijo scellerato,
mó Lugrezzia l’avvelenatrice,
che pare nun fosse gnente vero,
mó le caravelle de Colombo,
mó quer piagnone de Savonarola.
Pe’ portà li pellegrini ndove Iddio comanna
fece aprí un varco a Porta Settimiana,
ma nun aveva fatto li conti cor veleno
tanto che er Signore se lo volle ar fianco.
Er popolo, se sa, piagne pe’ gnente
e lo pianse armeno pe’ un par d’ore,
poi continuò a grattasse come prima.
Solo er cardinal Giuliano della Rovere piagneva de gioia ar pensiero
che ormai er momento suo era arivato.
Ma er Signore come te da così te leva e lo lasciò a digiuno
per tempo che un artro Papa salisse su quer sojo:
Pio III che durò, pe’ fortuna de Giuliano,
sortanto 26 giorni e venne finarmente
quer primo novembre der 1503 che er Della Rovere
potette cambià nome pe’ esse annominato Giulio II.

Lucrezzia Borgia

Pure si er genitore è er Santo Padre
l’ormoni nu li ferma la parola,
a quell’età chi nun ha mai peccato?
Affascinata dar fratello amico-amante,
l’anima nera de tutta la famija,
assisteva a giocarelli innaturali
e s’è portata dietro la nomea
d’esse ‘na femmina senza la morale.
Sposata troppo presto a tredicianni
ce pensò a quadrà li conti Valentino:
jà ammazzato er giovane Perotto,
cià provato cor primo marito e jannò male,
cor secondo è riuscito a fallo fora
e lei da brava fija accostumata
nun se ribellò mai a la famija.
Ner destino suo ce stava er maschio:
er papà Papa che è mejo si nun parlo
e der fratello Cesare t’ho detto.
Tanti li mariti, tanti l’amanti
volemo parlà der letterato Bembo?
forse Ariosto, Perotto e via cantanno,
je tirava parecchio su cognato
un po’ pe’ fà dispetto a Isabella,
la mejo donna der Rinascimento,

e un po’ perché Francesco de Gonzaga
era un bell’omo, ‘na tempra de gueriero,
anche si er male francese lo minava.
‘Na cosa de bono ce l’aveva
sapeva fà li fij a tutto spiano,
ne mise ar monno nun te dico quanti
e ar fine er pezzo più pregiato è lui

Ippolito d’Este duca e cardinale
che co’ li giochi d’acqua ne la villa
a Tivoli è ricordato ancora oggi.
Donna Lugrezzia
finí li giorni devota a San Francesco,
seporta, come volle, ar monastero
cor cilicio, come trionfo sur peccato,
e pe’ paura de incontrà all’artro monno
er padre Borgia e Cesare er fratello. ***

Rodrigo BorgiaRodrigo Borgia

Giulia Farnese " la bella"

Se l’era fatta dipinge sopra er muro,
la vedeva giorno e notte tra li Santi
la Madonna der maestro Pinturicchio
co’ la faccia de Giulia viterbese.
Solo a lei era devoto er Papa Borgia
che a vedé quell’occhi maliziosi,
piú infocati der carbone quanno coce,

era rimasto sconvorto dar mistero.
E fu amore passione gelosia,
sbavava più d’un pupo ancora in fasce,
er potere davanti a la bellezza
se sfragne è cieco certe vorte piagne.
L’orgia che è scritta ner nome de li Borgia
je arzava la pressione e li carzoni,
la bella Giulia l’aveva messa in banca
pijava l’interesse e er capitale:
mó je la dava e mó s’annisconneva,
attizzava er Papa come un seminarista:
mó er feudo Bassanello per marito,
poi er cardinalato per fratello Sandro
che fece cariera dentro ar Vaticano
tanto da diventà Papa Fregnese.
Si pe’ natura la donna inganna l’omo
da quanno Adamo mozzicò la mela
nissun’artra appetto a Giulia arivò a tanto:
ha giocato, come er topo fa cor gatto,
cor Vicario de Cristo sceso in tera.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.