#334 - 8 luglio 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Attualità

La vita umana conta poco - domina la morte

Realta' odierna

di Amanzio Possenti

Realta' odierna

La realtà quotidiana si muove sovente fra fattacci di cronaca (delitti terribili) e compassionevoli storie di contrasti, incomprensioni e vicende dolorose. Se è vero che le loro tipologie negative sono legate non solo all’oggi poichè presenti nelle cronache più lontane – con la differenza che ora ogni episodio trova riscontro subitandeo nella velocità delle informazioni fra on line e social - tuttavia non possono passare inosservate esperienze agghiaccianti, crimini efferati: anche se purtroppo risultano talmente numerosi da essere dimenticati in conseguenza del rincorrersi di tragedie nelle quali la vita sembra contare poco mentre domina la morte.

Realta' odierna

Si sta verificando che la vita - bene divino, supremo e unico - viene sprezzantemente ’sostituita’ da allucinanti espressioni omicide che sgomentano per ferocia e aberrazione.
Non solo orrendi femminicidi – purtroppo a ritmo continuo nella selva di un’umanità maschilista che pretenderebbe di farsi presunto giudice e boia con atrocità piene di livore - anche altri episodi di arroganza frutto di intolleranza inaccettabile.

Realta' odierna

Il guaio peggiore è dimenticare troppo presto - nell’opinione pubblica, dopo l’iniziale coinvolgimento popolare - i vari misfatti; resta vivo, con la necessaria e decisiva indagine giudiziaria di accertamento delle responsabilità, lo spazio mediatico di una condanna moraleggiante che poi si spegne con il passare dell’onda di forte contrasto alla malvagità.
Eppure i danni morali ed esistenziali sono enormi e richiederebbero non una riprovazione verbale, soprattutto un impegno – di educazione al bene e di partecipazione alla sofferenza altrui – che principalmente i cristiani - testimoni dell’Amore - dovrebbero mettere in campo in ogni tragica occasione: dalla preghiera alla correzione fraterna, dall’aiuto al ridonare speranza, al senso del perdono cristiano, al bisogno lavorare per la Vita, Che diventi vera protagonista ovunque e sempre.

Realta' odierna

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.