#332 - 10 giugno 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Anniversari

A 60 anni dalla morte (3 giugno 1963)

Giovanni XXIII

Profeta del dialogo

Di Nicola Bruni

Aveva 77 anni ed era il patriarca di Venezia quando, il 28 ottobre 1958, Angelo Giuseppe Roncalli, figlio di umili e devoti contadini del Bergamasco, fu eletto papa con il nome di Giovanni XXIII.

Non si può dire che fosse un bell’uomo: era un vecchietto tarchiato, obeso, con le orecchie a sventola e un naso prominente, piuttosto goffo nell’indossare i paramenti pontifici, ma nel sorridere e nel parlare emanava una straordinaria simpatia. Insomma, era dotato di uno speciale carisma.

Giovanni XXIIIGiovanni XXIII

Il carisma può essere definito come una dote naturale, o sovrannaturale, che fa di una persona un leader rendendola capace di esercitare un grande fascino su una moltitudine di seguaci, sostenitori o ammiratori. Nel caso di Giovanni XXIII, si disse che aveva il carisma della bontà e della santità, di cui sembravano accorgersi anche i non-credenti. Colpivano, soprattutto, la sua paterna affabilità, la sua semplicità, e l’apparente ingenuità delle parole con cui esprimeva una serena fiducia nella Divina Provvidenza.

Giovanni XXIII

Questo papa è stato l’iniziatore di una svolta nella storia dei rapporti umani, avviata dalla Chiesa cattolica con il Concilio Vaticano II, da lui convocato nel 1962. Una svolta caratterizzata dalla proclamazione del principio della libertà religiosa e di coscienza; dalla fine delle reciproche condanne e scomuniche fra le Chiese cristiane; dall’apertura di un dialogo rispettoso e amichevole con i “fratelli separati” (non più “eretici” da contrastare) per la ricomposizione dell’unità della Chiesa; dalla cancellazione dell’accusa di “deicidio” (uccisione di Dio) rivolta in passato agli ebrei, successivamente rivalutati e riabbracciati da Giovanni Paolo II come “fratelli maggiori” dei cristiani; dall’apertura del cattolicesimo al dialogo con le religioni non cristiane per la costruzione della pace, e alla collaborazione in campo politico e sociale con i non-credenti per il bene dell’umanità e delle singole comunità nazionali.

Giovanni XXIIIGiovanni XXIII

Si è trattato anche di una grande svolta educativa, ispirata a tre importanti direttive contenute nell’insegnamento di Giovanni XXIII: la prima invitava a “distinguere l’errore dall’errante”, cioè a respingere il peccato ma non il peccatore; la seconda, a preferire nel rapporto con gli altri la ricerca di ciò che unisce a quella di ciò che divide; la terza, a non dare ascolto ai profeti di sventura, che annunciano eventi sempre infausti come se incombesse la fine del mondo, e adoperarsi invece con generosa dedizione e cristiano ottimismo per rendere più giusta e solidale la convivenza umana.

Giovanni XXIIIGiovanni XXIII

Dunque, Giovanni XXIII, che la Chiesa ha proclamato beato nel 2000 e santo nel 2014, è stato non soltanto un “papa buono”: è stato un papa molto deciso e coraggioso, che univa alla bontà una grande sapienza profetica.

               Belsito con vista - www.belsitoconvista.eu - giugno 2023
AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.