#332 - 10 giugno 2023
AAAAA ATTENZIONE questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte del 3 maggio quando lascerà il posto al numero 351. - BUONA LETTURA - ORA ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già  in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà  l'amore per il potere, sia avrà  la pace (J. Hendrix)
letteratura

L'opera nella lingua dell'Urbe

Dante

La Commedia - Canto XXX

di Angelo Zito

Ancora nella X Bolgia dell'VIII Cerchio (Malebolge), in cui sono puniti i falsari.
Dante incontra Gianni Schicchi e Mirra che hanno falsificato se stessi
per raggiungere i loro scopi, e più avanti Mastro Adamo. falsario di monete
e Sinone, spergiuro del cavallo, che ingannò i Troiani.
Rissa tra Sinone e Mastro Adamo. Virgilio rimprovera aspramente Dante
di attardarsi ad assistere alla inutile disputa tra i due dannati.

CANTO XXX

Quanno che Giunone, inviperita,
contro li Tebbani pe’ corpa de Semèle,
e nun è la prima vorta che succede,

fece impazzí Atamante ar punto tale
che quello, vedenno la moje co’li fij,
che li teneva tutt’e dua pe’ mmano,

gridò: “Stennemo le reti che ar passaggio
pijamo la leonessa e le bestiole”.
Poi senza pietà allungò le mani,

fece rotà pe’ ll’aria er fijo, Learco,
e lo sbattè de forza contr’a un sasso;
la madre, co’ l’artro, s’affogò ner mare.

E quanno la sorte vorse le spalle
a li Troiani, superbi ortremisura,
che Re e regno furono distrutti,

Ecuba in catene, afflitta, angosciata
pe’ la morte de la fija Polissena,
scorto che l’artro fijo Polidoro

senza vita era steso su la riva,
impazzita cacciò urla come un cane;
la mente era sconvorta dar dolore.

Ma Tebbe e li Troiani infuriati
nun sembrareno mai tanto feroci
contro l’animali o le persone,
quanto du’ ombre, pallide e ignude,
che corenno agitaveno li musi,
come fa er porco chiuso ner porcile.

Una raggiunse Capocchio e sopra er collo
affonnò li denti e lo buttò pe’ ttera,
scorticannoje er ventre su li sassi.

E Griffolino d’Arezzo, impaurito:
“Er demonio che vedi è Gianni Schicchi,
la rabbia lo fà esse tanto crudele”.

“Si l’artro”, je risposi, “nun t’azzanna,
famme sapé, prima che zompi via,
er nome de quello che sta ignudo”.

“ Quella è l’anima de l’antica Mirra
incestuosa”, me fa, “che per amore,
se congiunse cor padre, contro natura.

Riuscí ne l’intento der peccato
facennose passà pe’ artra persona;
così fece Schicchi, a sentí lui,

pe’ pprennese la cavalla de la mandria,
finse de esse lui Buoso Donati,
farsificanno se stesso e er testamento”.

Doppo d’avé lasciato li farsari,
che m’aveveno sorpreso pe’ la rabbia,
me misi a guardà artre sciagure.

M’apparve uno che sembrava un liuto,
si er corpo, appena sotto er pubbe,
fosse separato da le gambe.

L’idropisia, che guasta quello che magni,
cambia li connotati de le membra,
e sproporziona er ventre co’ la faccia,

je faceva tené le labbra aperte,
come fa er tisico che, pe’ la gran sete,
le tiene una pe’ l’insú, l’artra de sotto.

“Voi ch’annate giranno pe’ ‘st’inferno
senza patí le pene, nu’ me lo spiego”,
ce disse, ”provate a buttà lo sguardo

a la triste sorte der maestro Adamo:
io ho avuto in vita più der necessario,
e mó, povero me, cerco un po’ d’acqua.

Queli ruscelli che dar Casentino
scenneno verso l’Arno da li colli,
impregnati d’acqua e de frescura,

ce l’ho sempre presenti dentro a l’occhi
e me accrescheno ancora più la sete
der male che me scava dentro der viso.

La giustizia senza appello, che m’affligge,
nasce dar loco dove io ho peccato,
pe’ qquesto er tormento è anche maggiore.

A Romena stampai fiorini farzi,
che cianno er Battista su una faccia;
e lí finii li giorni a morí arso.

Ma si potessi vedé qui l’anime tristi
de Guido, d’Alessandro o der fratello
rinuncerei perfino a l’acqua Branda.

Pare che uno de loro stii qua sotto,
si è vero quanto se dice da ‘ste parti,
ma a che me serve si sto qui inchiodato?

Si me potessi move anche de poco,
da fà pochi centimetri in centanni,
me sarei già messo su la strada

pe’ ccercallo tra ‘st’anime corrotte,
puro si undicimija è lungo er giro
e de larghezza fà meno d’un mijo.

Si soffro qui la corpa è tutta loro,
che me costrinsero a batte li fiorini
co’ ddentro tre carati misti a l’oro”.

Je chiesi: “Chi sò queli du dannati
che a fianco a te cacceno fori fumo,
come d’inverno le mani si le bagni?”

“L’ho trovati qua sotto quanno arivai”,
fece, “e da allora nun se sò mai mossi,
e in sempiterno nun se moveranno.

Quella accusò Giuseppe farsamente,
l’artro farso è Sinone che ingannò Troia:
la febbre li fà puzzà come ojo arso”.

E questo, offeso d’esse ricordato
pe’ la triste vicenna der cavallo,
je dette un pugno sopra er ventre gonfio,

che mannò un sono simile a un tamburo;
poi Mastro Adamo lo corpí sur viso
cor braccio potente, mentre je diceva:

“Puro si me sento legato co’ le membra,
che sò pesanti e nun me fanno move,
ciò er braccio adatto pe’ ppijatte a bòtte”.

E l’artro: “Quanno che stavi dentro ar foco
nun te fu d’aiuto pe’ ttiratte fora:
era adatto solo a fà moneta farza”.

“Nun dico de no”, rispose Adamo,
“ma quanno a Troia te fu chiesto er vero
nun fosti sincero a svelà l’inganno”.

“Ho detto er farzo e tu hai farzato er conio”,
disse Sinone, “peccai ‘na sola vorta,
e tu mille e più vorte de tutti li demòni!”.

“Tiè a mente, spergiuro der cavallo”,
rispose Adamo co’ la panza gonfia,
“tutto er monno conosce la tua corpa! “

“La tua te brucia la lingua pe’ la sete”,
je fà er greco, “e l’acqua te marcisce
dentr’ar ventre, e tra ‘n po’ t’esce da l’occhi!”

“Pur’a tte la bocca te se squarcia
e er dolore te se porta”, disse er farzario,
“ma si l’acqua me rigonfia er ventre,

tu ciai la testa intasata da l’arsura,
pe’ invitatte a leccà l’acqua de Narciso
basterebbe solo fatte un cenno”.

Ero tutto preso a sentilli parlà,
che er maestro me fa: “Continua pure!
Ce manca poco che mó litigamo”.

A sentillo parlà così nervoso,
lo riguardai pieno de vergogna,
che a ricordallo ancora me tormenta.

Come quello che fa un brutto sogno,
e vôle che er sogno vadi avanti,
speranno che nun sia ‘na cosa vera,

così capitò a me, pe’ cchiede scusa
nun riuscivo a parlà restai in silenzio
e nun me resi conto che tacevo.

“ ‘Na vergogna piccola cancella
anche er difetto più granne”, me fà,
tu nu’ l’hai fatto, nun te pijà più pena.

Pe’ qquesto te starò sempre vicino,
si capita pe’ ccaso che te trovi
tra gente che litiga a ‘sto modo:

che a volelli sentí ce perdi tempo.

Dante

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.