#331 - 27 maggio 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fotografia

Una vasta scelta per un uso sapiente

Il migliore amico

di Guido Alberto Rossi

Il cane è sicuramente il miglior amico dell’uomo, ma il teleobiettivo è il miglior amico dei fotografi, utilissimo per quelli che fanno reportage, mentre per i fotografi che vivono scattando sport e gossip può essere anche paragonato ai bravi genitori, i fotografi naturalisti hanno addirittura una specie di religiosa adorazione per i loro tele, minimo da 400 o 600mm., mentre chi scatta la moda lo usa qua e là. Chi invece lavora in studio del teleobiettivo grande e grosso non se ne fa niente.

Il migliore amico

L’amore fotografo/tele è dettato da vari fattori, forse al primo posto metterei il costo, che è proporzionale alla sua lunghezza espressa in mm, lunghezza e peso specifico, ci sono anche i piccoli tele.
Personalmente incomincio a chiamare un obiettivo teleobiettivo quando è almeno di 180mm, che spesso è infiltrato in uno zoom standard 80-200mm. Al secondo posto metterei la cura con cui lo si porta in giro, quando supera i 400mm. è come girare con un bambino/a di due anni, mentre un 600 mm. un pargolo intorno ai cinque anni fino a crescere a dieci anni quando si passano gli 800 e i 1.200 mm. L’unica differenza che non hanno fame e sete e che stanno zitti; se non mi credete, prendete un 600mm. comprate un biglietto d’aereo per un bel viaggio e poi al ritorno ci sentiamo e mi raccontate.

Il migliore amico

Ovviamente ogni tele ha la sua funzione o multifunzione: non puoi scattare delle belle foto di sport (forse escludiamo il biliardo e le bocce, ma non sono poi tanto sicuro) se non hai almeno un 300mm. Se ci fate caso guardando le gare in televisione vedrete dei poveri cristi che sono carichi come i muli degli alpini ed in genere si portano al collo ed in spalla almeno quindici chili di attrezzatura.

Il migliore amico

Con l’invenzione dell’autofocus scattare con i lunghi tele è sicuramente più facile e si fanno molte foto più belle, aggiungiamoci i corpi macchina dotati di motori che scattano a mitraglia e la funzione video, da cui si possono trasformare i fotogrammi in foto e più o meno chiunque pesi più di settanta chili può trasportarli e dire di fare il fotografo.
Non per fare il solito vecchio nostalgico: una volta era più difficile.

Il migliore amico

Prendiamo in considerazione per poche righe i fotografi naturalisti, quelli che hanno la capacità di stare ore nascosti in un nascondiglio di foglie alla mercè delle zanzare per ore e ore aspettando che un uccello spicchi il volo o che un leone sbadigli in luce giusta e quando non scattano trasportano, come i dannati di Dante, decine di chili di ferraglia vetrosa. Se però vediamo una gran bella foto di animali o di natura, capiamo che la fatica, paga!

Il migliore amicoIl migliore amico

I fotografi di gossip, chiamati popolarmente “Paparazzi”, termine che non mi piace e che sminuisce dei bravi e seri professionisti, fanno più o meno le stesse fatiche e appostamenti dei fotografi di animali, con la differenza che scattano umani VIP e devono nascondersi anche dai body guards che sono grandi e grossi e ben pagati per scovarli e cacciarli via. Alle volte finiscono anche in tribunale per aver violato muri o privacy. (vedi Harry & Meghan)

Il migliore amicoIl migliore amico

A volte questi fotografi usano anche teleobiettivi da 1.200mm. magari anche con duplicatori di focale, arrivando così a 2.400 mm. Spesso gli capita che a causa di infelici situazioni di luce le foto non siano perfette, ma vanno bene lo stesso, specialmente se colgono un bacio proibito.
Io per il reportage di viaggio, ho usato e uso molto i teleobiettivi, il mio preferito è un vecchio Nikon 400 mm. con messa a fuoco manuale, lo trovo perfetto per scattare nelle città e qualche volta dei paesaggi, utilissimo anche per fare della street-photo.

Il migliore amico

Fotografando in giro per il mondo, servono tutti gli obiettivi dal grand’angolo al super tele, ovviamente a secondo del soggetto che s’intende riprendere; mi sono spesso trascinato dei grossi tele, per magari utilizzarli una sola volta, ma quella volta meritava. Dimenticavo di dire che insieme ai grossi tele, bisogna anche utilizzare e quindi portarsi dietro ingombranti cavalletti. I grossi tele, sono sconsigliatissimi ai fotografi di guerra, possono facilmente essere scambiati da qualcuno per lanciarazzi e quindi può finire molto male.

Il migliore amicoIl migliore amico

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.