#329 - 27 aprile 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Attualità

Europa

di Amanzio Possenti

Europa sì e no. E’ quanto si nota nei discorsi e nelle sfumature verbali dei politici ed anche della gente comune.
Non sempre se ne parla in modo appropriato, spesso con lacune informative o con pregiudizi.

Europa

Che l’Europa rappresenti a livello politico Ue - la Europa dei 27 Stati – una necessità e una scelta prioritaria è fuori dubbio, considerate esigenze comunitarie categoriche di unità democratica e di coordinamento interstatuale; e poi c‘è una identità da promuovere e sostenere.

Il Parlamento europeo eletto in ogni Paese (prossima consultazione nel 2024) è una forma importante di comunitarietà, come lo è la Commissione, governo della Europa cointeressata.
Tutto ok, e non potrebbe essere diversamente vista la centralità dell’Unione: diventano ‘problemi’ taluni atteggiamenti e conseguenti scelte operative. L’Italia ne fa esperienza (negativa) da più tempo.

Europa

Mentre all’Europa va un grazie potente e chiaro per i 209 miliardi di euro assegnati all’Italia tramite il Pnrr (Piano nazionale di rilancio e resilienza), si resta dubbiosi circa delibere e verso antiche tradizioni nostrane) che paiono colpire il ‘Bel Paese’. Allora nascono e si sviluppano proteste allarmate, tali da provocare una sorta di reazione a catena.
Si sente il bisogno di un’Europa meno burocratica e più vicina, meno fiscale e più consapevole di realtà opinabili fuori dal territorio nazionale ma intensamente e storicamente proprie della nostra comunità.
Insomma, si confida - diciamocelo apertamente - in un’Europa un po’ più…italiana…

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.