#326 - 18 marzo 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Attualità

In occasione del 21marzo: Giornata Mondiale contro le discriminazioni razziali
Porre fine al nuovo mercato degli schiavi che fa leva sulle speranze di chi affronta il mare

Nuovi schiavi

Di Marco Guerra

Nuovi schiavi

“I trafficanti di esseri umani siano fermati, non continuino a disporre della vita di tanti innocenti. I viaggi della speranza non si trasformino mai più in viaggi della morte!”.
Al termine dell’Angelus della scorsa domenica, Papa Francesco è tornato con queste parole sulla strage dei migranti avvenuta il 26 febbraio nelle acque antistanti Crotone.

Nuovi schiavi

Il dolore e la preghiera del Pontefice per la morte delle 71 persone stipante su un barcone proveniente dalla Turchia si unisce agli apprezzamenti e la gratitudine espressi alla popolazione locale e alle istituzioni “per la solidarietà e l’accoglienza verso questi nostri fratelli e sorelle”. Francesco ha sempre rinnovato gli appelli alle responsabilità della comunità internazionale e dei governi ma questa volta mette l’accento su un aspetto cruciale dei nuovi fenomeni migratori, ovvero quello delle organizzazioni criminali che lucrano sulla disperazione di intere popolazioni.

Nuovi schiavi

Il Papa può dire questo perché la Chiesa è presente nei Paesi di partenza, in quelli di transito e in quelli arrivo con le sue attività di supporto umanitario e spirituale. La rete delle organizzazioni e dei movimenti religiosi cattolici offre sostegno a tutti a prescindere dalla nazionalità e dalla confessione religiosa, si tratta un’attività che porta il clero e i volontari laici a fare esperienza della crudeltà e del cinismo dei trafficanti di uomini. Il Papa con il discorso dopo l’Angelus dal Palazzo Apostolico dice chiaramente che non possono esserci giustificazioni o compromessi con chi depreda, sfrutta, impoverisce e mette a repentaglio la vita di cerca un futuro migliore per sé e per i propri figli.

Nuovi schiavi

Per la Chiesa cattolica l’accoglienza è un presupposto imprescindibile così come la ricerca e il salvataggio delle persone che attraversano il mare eppure anch’essa riconosce chiaramente la pericolosità di questo canale dell’immigrazione e dei criminali “che dispongono della vita degli altri”, per questo chiede di fermarlo. Il Santo Padre non ha mai disgiunto il dovere della solidarietà e quello della legalità ed è ben consapevole che l’uno regge l’altro se si vuole perseguire il vero bene comune. Un approccio meramente legalitaristico è destinato a fallire tanto quanto uno fondato solo sull’accoglienza senza se e senza ma.

Nuovi schiavi

La repressione dei fenomeni criminosi che permeano le rotte migratorie non spetta però alla Chiesa. Le inchieste giornalistiche ci hanno mostrato i metodi e i volti di queste organizzazioni criminali e le polizie europee sanno bene dove e come operano ma i rari interventi non riescono nemmeno a scalfire il volume di affari dei trafficanti. Bisogna considerare inoltre che gli Stati di partenza dei barconi (principalmente Libia, Tunisia e Turchia) chiudono gli occhi per convenienza, migliore delle ipotesi l’immigrazione illegale diventa per loro un modo per allentare la pressione dei più poveri, nei casi peggiori invece si usano i viaggi dei migranti e le tragedie del mare per fare pressioni politiche sui Paesi Occidentali. Poi ci sono anche le connivenze tra i membri delle istituzioni e i trafficanti.

Nuovi schiavi

A lucrare sono inoltre le mafie e gli imprenditori senza scrupoli dei Paesi di arrivo, che nell’immigrazione clandestina trovano un serbatoio di manodopera a basso costo da usare nei campi o nei traffici illeciti nelle grandi città. Porre fine a questo nuovo mercato degli schiavi che fa leva sulle speranze di chi affronta il mare è un dovere morale di tutta l’Unione Europea tanto quanto aprire corridoi umanitari per le popolazioni colpite da crisi umanitarie.

Nuovi schiavi

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.