#326 - 18 marzo 2023
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Editoriale

Ponte

di Dante Fasciolo

Fu un tronco d’albero disteso sulle due rive
di un fiume che divideva due villaggi.
Servì a conoscersi meglio,
a scambiare visite e cibo
a sentirsi uniti, a lungo fratelli…
ma non sempre il buon senso prevale.

Ben presto mutò la sua essenza,
si irrobustì di legno duro e ferro, divenne levatoio
incardinato a mura possenti
si sentì padrone di vita e di morte
quando possenti corde scorrevoli
accompagnavano stridenti carrugole.

Uomini d’arte e di ingegno
ne colsero possibilità per testimoniare
capacità creative e celebrative
da offrirsi al sole delle città
ricercando forme che la natura e uomini
hanno forgiato con ingegno nei secoli.

E che dire dei poeti o bizzarri scrivani,
entrambi vezzosi e ammaliatori:
offrire ponti d’oro a qualcuno,
tagliare ponti alle spalle,
i ponti luce in teatro e ponti ripetitori in tv…
N’è passata di acqua sotto i ponti!

Oggi si parla di un lungo ponte sospeso
da fare per comodità e per orgoglio,
un riscatto per i ponti che altrove cadono
sotto il fuoco vigliacco di un qualche nemico,
quasi simbolo, umano e spirituale,
capace di riunire cuore e coscienze ovunque,
capace di spingere gli uomini di questo tempo
a rintracciare il senso di quel primo tronco d’albero
che unì in unico popolo due avverse tribù.

Ponte

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.