#325 - 4 marzo 2023
AAAAA ATTENZIONE questo numero resterà in rete fino alla mezzanotte del 3 maggio quando lascerà il posto al numero 351. - BUONA LETTURA - ORA ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore è già  in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore è la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore supererà  l'amore per il potere, sia avrà  la pace (J. Hendrix)
Editoriale

La barca

di Dante Fasciolo

Aveva resistito a lungo contro le onde
di un mare amico e a volte ostile,
e il suo legno si rallegrava tra onde spumeggianti
conscio del valore del suo lavoro.

Ma questo ultimo viaggio
la piccola barca nulla ha potuto per salvare
il suo impotente equipaggio in fuga
oltre i confini della disperazione.

Stracarica di vite esauste e di speranza
ha solcato per l’ultima volta
le rotte che un tempo le erano consone
per la pesca e per il turismo.

Una missione ardua, un’avventura…
uomini in cerca di cibo, di casa, di pace
meritano un impegno, oltre il ricatto,
e il saccheggio di uomini bestie criminali.

Le onde alzano muri d’acqua paurosi,
è un giorno del no del mare,
e spingono con forza verso le rocce
e qui si infrangono gli eroici legni.

Pochi minuti, gelide acque, grida d’aiuto…
ogni progetto sul futuro è riposto,
prepotente s’affaccia l’incubo della vita,
la tempesta soffoca l’ultimo respiro.

Mamma! Papa! Esili voci chiamano…
risposte strozzate dal dolore rispondono…tacciono…
Dio, Allah, Budda, smozzicate preghiere,
si presentano ai loro altari.

Anonime fisionomie trasfigurano in acqua,
sulla riva la loro Pasqua, la loro resurrezione.
Erano nostri fratelli… un po’ di pietà, poi
questo giorno passerà in fretta.

Impietosamente questo mondo marcio
finirà nella discarica dell’abisso della coscienza colletiva.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.