#324 - 18 febbraio 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Televisione

Televisore gioia e dolore

Zapping

Frammenti semiseri di cronaca televisiva

di Luigi Capano

ZappingZapping

Due gli avvenimenti rilevanti di questi giorni: le elezioni regionali ed il festival di Sanremo.
Le prime hanno registrato un’ulteriore batosta ai danni della Sinistra ed in particolare del PD, ormai in caduta libera, che ha perso la presidenza anche nel Lazio (oltre che, di nuovo, in Lombardia) ma che ancora persevera, diabolicamente, ad esibire un segretario di Partito come Enrico Letta, uno dei leader politici più inadeguati di sempre. Lo ricordiamo nelle ultime elezioni nazionali giaculare lo slogan elettorale: “Se non votate per me la democrazia è in pericolo”; e dopo il tracollo finale, intervistato da Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, affermare con tempi comici straordinari: “abbiamo avuto dagli Italiani il mandato di stare all’opposizione”. E, tenacemente, ancora oggi non si lesinano le boutade: “Siamo il primo partito d’opposizione” è il commento lettiano, riferito da un TG della Rai. Tra gli intrattenitori televisivi ci sembra che soltanto Maurizio Crozza abbia colto appieno le ineffabili potenzialità comiche di Enrico Letta e le abbia sfruttate da par suo nello spettacolo settimanale sulla Nove, “Fratelli di Crozza”.

ZappingZapping

E veniamo al più coinvolgente (a detta dei numeri) Festival di Sanremo. Una macchina straordinariamente complessa, congegnata e condotta da eccellenti professionisti dello spettacolo, ha filantropicamente regalato ai telespettatori una settimana luccicante e gaudiosa, proiettandoli in un mondo di sogno, appena scalfito dalle cacofonie della maggior parte dei giovani cantanti in gara (ma in tempi di fluidità e di non binarismo, anche l’ugola può reclamare il diritto di identificarsi con un naso costipato, se crede). E neanche ha pesato più di tanto quella trasgressività da gabbia delle scimmie esibita da qualche illustre ospite (che anche la cosiddetta trasgressione sia ben irreggimentata lo sa bene l’incauto Enrico Montesano recentemente espulso dal notissimo spettacolo serale di Milly Carlucci); né i soporiferi predicozzi un tantino sentimentali delle fascinose ospiti di turno; oppure il discorso guerrafondaio, vagamente sopra le righe del Presidente ucraino Zelensky, letto con partecipata compunzione dall’ottimo Amadeus. Non poteva mancare, e non è mancato, il versatile pimento à la page del razzismo ecumenicamente ammannito, malcelando una discreta forma mentis induttiva e inquisitoria che gli arcinoti Hitler e Lenin avrebbero di certo saputo apprezzare.

ZappingZapping

Come non ricordare, infine, il momento topico in cui Roberto Benigni ha esaltato la nostra Costituzione sotto gli occhi a dir poco compiaciuti del Presidente della Repubblica, definendola, con appena un pizzico di campanilismo e di intraprendenza mitopoietica, la più bella del mondo. Insomma possiamo dire che anche questa volta il Festival di Sanremo non ci ha deluso e che, come ogni anno, puntualmente, ha assolto egregiamente il proprio ufficio, effondendo nelle nostre menti e nei nostri cuori il soffio palingenetico di una meravigliosa, caleidoscopica illusione.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.