#320 - 17 dicembre 2022
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
letteratura

L'opera nella lingua dell'Urbe

Dante

La Commedia - Canto XVIII

di Angelo Zito

Canto XVIII
Ce sta drento a l’inferno Maleborge,
un posto co’ le pietre color fero,
come er costone che je gira attorno.
E ner mezzo de ‘sta distesa infame
intravedi un pozzo largo e fonno
che te ricconterò ‘n’artro momento.
Quel’anello tra la fossa e la costa,
che ariva laggiune, fino a sotto,
se sparte in dieci valloni: sò le Borge.
Come ne li castelli, pe’ difesa,
le mura sò cintate da li fossi,
che a la vista metteno paura,
così ‘st’idea la danno ‘ste vallate;
e come li ponticelli der castello
ariveno da le mura fino a riva,
così spuntaveno sotto la parete
ponti de pietra attraverso er fosso,
che finiveno posati sopra er pozzo.
Scaricati da la groppa de Gerione,
ce trovammo in quer posto; er duca mio
prese verso sinistra e j’annai dietro.
Artra angoscia, viddi lí artri tormenti
e artri demòni co’ la frusta in mano,
che riempiveno tutta quela borgia.
Da ‘sta parte li peccatori, tutti gnudi,
ce veniveno incontro, artri de là
continuaven’annà ner verso nostro,
come a Roma durante er giubbileo,
pe’ la troppa gente sopra ar ponte,
hanno trovato er modo congegnale:
da un lato, ner verso de la Mole,
cammineno diretti pe’ San Pietro,
da l’artro la strada verso er monte.
E su sta roccia nera d’ogni parte
viddi demòni cornuti co’ le fruste
corpí su la schina li dannati.
Ah come je s’arzaveno li tacchi
a la prima scudisciata! e nissuno
stava in attesa de prennene artre.
Mentre camminavo, tutt’a ‘n botto
incrociai lo sguardo co’ uno e feci:
“Nun è la prima vorta che lo vedo”.
Fermai er passo pe’ gguardallo bene,
er duca assieme a me fece artrettanto,
e me permise de tornà un po’ a retro.
Quer dannato, volennose annisconne,
vòrse lo sguardo a tera; je serví a poco,
dissi: “È inutile che te copri er vórto,
si l’aspetto che ciai nun me tradisce,
tu sei Venedico Caccianemico.
Pe’ qquale córpa stai a sconta ‘sta pena?”.
E lui me fà: “Risponno controvoja;
ma ne le parole tue trovo er coraggio
che me fà ricordà de l’artra vita.
Convinsi Ghisolabella, mi’ sorella,
che accettasse le voje der Marchese,
comunque se ricconti ‘sta schifezza.
E nun sò er solo dannato de Bologna;
anzi semo così tanti qua de dentro
a parlà er dialetto de la tera nostra,
a storpià le parole tra Sàvena e Reno;
e si vôi conferma a quanto dico
ricordete come semo avari de natura”.
Parlava e intanto un demonio lo frustava
gridanno: “Vattene via, ruffiano!
qui nun ce stanno donne pe’ ffà sòrdi”.
Io me riavvicinai ar mio maestro
e, doppo avé fatto pochi passi,
arivammo a ‘no scojo sopra er pozzo.
Ce annammo de sopra facirmente
e, prennenno a destra pe’ sta roccia,
ce allontanammo da st’andirivieni.
Ner punto più arto de la scheggia,
dove li frustati passeno de sotto,
er duca me disse: “Fa’ in maniera
de incrocià co’ ll’occhi ‘sti dannati,
c’hanno continuato a annà ner verso nostro,
e nu’ l’avemo ancora visti in faccia”.
Da sopra er ponte vedevamo l’artri
che veniveno avanti contromano,
pure questi carcati de frustate.
Me fece er duca, prima ch’io parlassi:
“Quela figura granne che viè avanti,
soffre ma nun dà segni de pianto:
che nobbile aspetto ancora mostra!
Quello è Giasone che, astuto e saggio,
tòrse a li Corchi er vello der montone.
Fece poi scalo a l’isola de Lemno,
doppo che le donne forti e spietate
aveveno messo a morte li mariti.
Lì co’ belle parole e co’ li fatti,
ingannò pure la giovane Isifíle,
che aveva già ingannate tutte l’artre.
L’abbandonò doppo avella ingravidata;
pe’ questo soffre er martirio de la pena,
che vennica anche er male fatto a Medea.
Questa è la pena de ‘sta prima borgia;
assieme a lui chi inganna co’ la frode,
mó sai chi è dannato qua de dentro”.
Arivammo dove er passaggio stretto
incrocia più avanti la seconna borgia,
e fà da sostegno a un’antro ponte.
Là sentimmo gente lamentasse,
chi incarognito sbuffa tra li denti,
e chi co’ le mano se dà schiaffi in faccia.
Le rive sò impastate co’ la muffa,
per vapore addensato che viè sotto,
e che te fa rode er naso assieme a l’occhi.
È tarmente buio là ner fonno,
che devi salí sur punto de lo scojo
che sta più in arto, si vôi vedé quarcosa.
E lí annammo; e sotto c’era gente
immersa ne lo sterco, che pareva
scaricato da li cessi de le case.
Mentre cercavo de vedé quarcosa,
intravidi uno co’ la merda in testa,
nun capivo si era laico o de chiesa.
Strillò a ‘sto modo: “Che ciai da guardamme
e lassi da parte tutti l’artri zozzi?”
“Perché, si nun me sbajo”, je risposi,
“t’ho visto artre vorte co’ la testa asciutta,
Alessio Interminelli, sei de Lucca:
pe’ qquesto guardo a te e no a l’artri”.
Dànnose un córpo su la testa, disse:
“Si sto qua sotto è p’avé leccato
tanto da nun seccamme mai la lingua”.
Doppo de questo er duca mio me disse:
“Prova a spostà lo sguardo un po’ più avanti,
tanto che possi vède ’sta puttana,
sporca e scapijata, che se graffia
la faccia co’ l’ugne puzzolenti,
e mó s’accoscia e mó rimane in piedi.
Taide è quella e a l’omo che je chiedeva:
-Te sò annato a genio come amante?-
javeva risposto: -Nissuno è pari a te!-.
E per momento damo riposo a l’occhi”.

Dante

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.