#319 - 3 dicembre 2022
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
curiosità

Vlad III, Principe di Valacchia
vampiro probabile sepolto a Napoli

Napoli - Chiesa di Santa Maria La Nova

dracula

di Giuseppe Cocco

Fra i tanti misteri che la città partenopea annovera, c’è né uno in particolare che da qualche anno fa discutere eminenti studiosi, ricercatori o semplici appassionati di storie da brivido. Stando agli studi condotti dal ricercatore dell’università di Tallinn in Estonia Giandomenico Glinni e da suo fratello Raffaello, sembrerebbe che Vlad III, Principe di Valacchia, che ispirò l’irlandese Bram Stoker per il suo romanzo Dracula il Vampiro, sia stato sepolto a Napoli.

draculadracula

Il Principe Vlad III, stando a quanto riporta la storia perse la vita, nel tentativo di riconquistare definitivamente il suo regno di Valacchia, combattendo contro Basarab III Laiotă cel Bătrân il quale era asservito e spalleggiato dall’impero Ottomano.
Si dice che la testa di Dracula sia stata recisa dal suo corpo e inviata come dono al sultano di Costantinopolie che il suo corpo sia stato sepolto dal suo acerrimo nemico Basarab, nella chiesa dell'Assunzione del monastero dell’isola di Snagov in Romania.

draculadracula

Ma qualcuno sostiene che le cose siano andate diversamente!! Vlad, come suo padre, era un membro dell’Ordine del Dragone, lo stesso del quale faceva parte il re di Napoli Ferrante D’Aragona. L’aderenza a questa società faceva sì che gli appartenenti, potessero avere assistenza e reciproco soccorso in caso d’invasione da parte dei turchi dagli altri membri della confraternita. “La nobiltà che fuggiva dai paesi balcanici poteva trovare sicuro rifugio preso la Corte Napoletana, ci dicono gli studiosi.

draculadracula

A trovare asilo a Napoli, fu in questo caso, una presunta figlia del principe Vlad, una misteriosa bambina di soli sette anni, Zaleska di Valacchia, che nel 1480 venne condotta presso la corte di Ferrante D’Aragona e adottata da una nobildonna napoletana. Fu chiamata Maria Balsa, e una volta adulta andò in sposa a Giacomo Ferillo, figlio di Matteo (nipote del Re di Napoli Ferrante D’Aragona) signore di Acerenza.
L’ipotesi che, Vald III di Valacchia sia sepolto a Napoli, è suggerita dagli studi dell’avvocato Raffaele Glinni studioso di storia, e il fratello Giandomenico ricercatore a Tallinn in Estonia, già citati all’inizio di quest’articolo. Essi a seguito di una ricerca, per determinare la proprietà di un quadro dipinto da Leonardo, si imbatterono nella famiglia napoletana dei Ferillo, scoprendo che la signora Balsa, moglie di Giacomo Ferillo, altro non era che Zaleska di Valacchia, la figlia di Vald III, che una volta morta fu tumulata con il marito, nella Chiesa di Santa Maria La Nova a Napoli.

draculadracula

Grazie anche all’intervento di una laureanda napoletana, gli studiosi elaborano una teoria, quella che il Vlad non sia morto in battaglia contro i Turchi, ma sia solo stato fatto prigioniero. In seguito sua figlia, Maria Balsa Ferrillo, lo riscatta dalla prigionia, pagando un ingente somma di denaro, conducendolo poi con sé a Napoli. Alla sua morte Maria, lo fa tumulare nel sepolcro del marito Giacomo Ferrillo, nel Convento di Santa Maria la Nova. La Balsa inoltre sembrerebbe aver fatto di più: al fine di dar testimonianza della sua origine, attorno al 1520, fa celare all’interno della Cattedrale di Acerenza (provincia di Potenza), durante dei lavori di restauro, tutta una serie d’indizi simbolici, un chiaro riferimento a Vlad e alla sua discendenza.

dracula

Sempre secondo gli studiosi, a sostegno che Dracula sarebbe sepolto nel Convento di Santa Maria la Nova, ci sarebbero i glifi e il bassorilievo presenti sulla lapide posta sopra la tomba: un drago corazzato che richiama sia il blasone simbolo di Vlad, nonchè l’ordine del drago al quale era affiliato, e due sfingi egizie, mai viste prima su una tomba europea. Esse starebbero a indicare la città di Tebe, con un chiaro riferimento a Dracula Tepes (l’impalatore). Inoltre grazie all’ispezione condotta con una micro videocamera all’interno del sepolcro, sono stati evidenziati alcuni simboli da loro interpretati come glifi diabolici: una croce e un otto rovesciato simbolo dell’infinito. Se vi capita di andare a Napoli, andate a visitare il Complesso di Santa Maria la Nova, al di là della presunta tomba di Dracula, ne vale veramente la pena.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.