#313 - 3 settembre 2022
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Editoriale

Analogie col nostro tempo

Babele

di Dante Fasciolo

“Venite, facciamo mattoni…
Venite costruiamo una torre fino alla fine del cielo…”,
l’opera inizia, al servizio del Re.

Forti braccia, mattone su mattone, la torre cresce
al pari dell’orgoglio e della supponenza…
Dio, che tutto vede, punisce l’invisibile.

Ora nella torre, improvvisamente, si contano a iosa
linguaggi sconosciuti, vuote parole altisonanti…
l’opera perde lo splendore e la sua gloria.

Diciamoci la verità, noi, possiamo negare
di sentirci cittadini confusi di una torre
carica di effimere e nebulose conquiste?!

La scienza, la tecnica. Il sapere
trottolano audaci, intrecciano iperbole…
sprofondano, da basso, incertezze e disagi.

L’abisso muta i suoi misteri e le sue paure,
trasforma la propria fisionomia
in un labirinto, un vortice… una babele.

Una Bibbia terrena ci narra il sopito, il non detto
nascosto tra i dedali di una nuova città verticale
che decanta il successo, mentre deride la vita.

Filone di Bisanzio nega alla vera Torre di Babele
di figurare tra le Sette Meraviglie del Mondo,
e inserisce inesistenti Giardini Pensili di Babilonia.

Quante analogie con il tempo che viviamo,
si scarta la verità, si accredita il falso…
Non si scorgono al nostro orizzonte
né un nuovo Carlo Magno desideroso
di costruire una Nuova possibile Torre,
né una nuova regina Semiramide capace
di raccogliere rose fresche tutto l’anno.

Babele

Gli inesistenti Giardini di Babilonia

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.