#119 - 9 febbraio 2015
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fumetto

Tra i Beatles e i Rolling Stones

Cattivik

Personaggio d'attualità

di Giada Gentili

CattivikCattivik

Anni sessanta? Ormai ce la propinano in tutte le salse, un'operazione "Nostalgia", soprattutto musicale, che ha il sapore di un tappabuchi televisivo e un modo per acchiappare il pubblico televisivo dei pensionanti (niente di male, per carità).
Anche il cinema, soprattutto americano, ha dedicato molte energie a riscoprire i fasti e i nefasti di quell'epoca (Kennedy, il Vietnam, la protesta nera...). Le Teche Rai, per fortuna, trasmettono il meglio di quegli anni ed è per noi ragazzi, fonte di ammirazione vedere per la prima volta i grandi romanzi riadattati per la tivvù da grandi registi e grandi attori (I Fratelli Karamazov, ma anche il Maigret di Gino Cervi).

CattivikCattivik

Cattivik (ideato da Bonvi e Silver) è una sorta di maldestro ladruncolo che vive nelle fogne di un'anonima città ma che, in base a determinate battute e passaggi gergali dei protagonisti di alcune strisce, è di volta in volta facilmente identificabile con Milano, Napoli o Modena. Si impone come anti-eroe e vittima del sistema. Cattivik è amante del cattivo gusto, irascibile, talvolta ignorante della realtà che lo circonda, è stupido ma impavido, sempre desideroso di compiere i più efferati crimini, i quali vanno dal furto di un prezioso gioiello allo scippo di una borsa da una vecchina.
Tra le peculiarità del personaggio spicca il singolare modo di parlare, (ricolmo di parolacce, puntualmente censurate), che impone l'esclusione dell'ultima vocale di ogni parola, la tipica risata sghignazzante (a scelta tra Yuk, yuk, yuk e Uaz, uaz, uaz!) che spesso riecheggia tra i sordidi vicoli della città incutendo timore nei passanti (o meglio: nell'omino in bombetta, il Solitomino, tradizionale vittima dei crimini del protagonista e dunque inconsapevole co-protagonista delle avventure) e il modo di spostarsi da un luogo all'altro saltellando, o meglio "rimbalzando" sfruttando la sua curiosa forma tonda. Un'altra particolarità di questo personaggio è l'arma con cui assale il Solitomino, usualmente una sorta di martellone in legno, più raramente un coltello, a volte una pistola semiautomatica. Da notare, poi, la totale mancanza di igiene del personaggio: abita nelle fogne, ha dei topi come occasionali servitori, pare possedere un unico capo d'abbigliamento (la calzamaglia nera, mutande e scarpe escluse) che si toglie rarissimamente, nonché le consuete esalazioni corporali interne ed esterne, accompagnate spesso e volentieri da episodi di rigetto.

CattivikCattivik

Un'altra caratteristica peculiare di Cattivik è la sua immortalità: per quanto in ogni storia venga malmenato, sparato, mutilato, investito, schiacciato, smembrato, tritato e persino sciolto nell'acido, ritorna puntualmente integro nell'arco di un paio di vignette.
Cattivik è nato nel 1965, mio padre aveva nove anni e mia madre cinque. I Beatles e i Rolling Stones, la corsa nello spazio, ma già all'orizzonte (lo sappiamo adesso) sta per arrivare il sessantotto, la crisi petrolifera, Piazza Fontana, il terrorismo. Oggi è il 2015, Febbraio. Cambiato qualcosa? E quel nome del Fumetto? Cattivik...una profezia?

CattivikCattivik

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.