#300 - 29 gennaio 2022
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
letteratura

Uno spazio in omaggio al Sommo Poeta

Endecasillabi sciolti e ritmati nella lingua dell'Urbe

La Commedia

Inferno 2° Canto - parte seconda

di Angelo Zito

Pe’ ddatte quer coraggio che te serve
sappi che io sto qua perché ho sentito
der dolore che avevi e io me dòrsi.
Io ero in mezzo a l’anime in attesa,
e donna me chiamò beata e bella,
je chiesi de sapé cosa volesse.
Brillanti l’occhi sua si come er sole,
la voce dorce come ‘na carezza,
prese a parlà così, pareva un angelo.
"Tu che di Mantua sei nobile fijo,
onorato poeta insino a oggi
e dimane e più dimane ancora,
sappi che in un angolo deserto
soffre l’amico, stretto a me da sempre;
tre bestie j’empedischeno er cammino,
e forse me sò mossa troppo tardi,
che avrà perso anche er lume che lo guida,
come ho sentito dí da queste parti.
Va’! tu che usi bene le parole,
aiutelo a levasse da li guai
e me consoli in più de tanta pena.
Er nome mio, Beatrice, t’accompagni,
sò scesa da quer regno de la luce,
mossa solo da amore, e lí ritorno.
Quanno sarò in presenza der Signore
parlerò spesso de te, degno de lode".
Così terminò er discorso e io a lei:
“Tu domina virtuosa sei la sola
a fà felici ar monno li cristiani
ch’abbiteno sotto er cielo de la luna,
me piace tanto quello che m’hai chiesto
che si l’avessi già fatto sò in ritardo,
nun serve che ripeti quanto hai detto.
Vorei conosce però qual’è ‘r motivo
che te spigne a scende qua de sotto
da lassù dove te piace fà ritorno”.
“Già che lo vôi sapé co’ tanta smania,
te dico in breve che nun ciò paura
de vení fin quaggiù”, fu la risposta,
“sortanto quello che fa male a l’antri
hai da tenello a debbita distanza,
de tutto er resto nun avé timore.
Sò fatta, grazie a Dio, de ‘sta maniera
che nun me tocca er male de ‘sto monno,
e manco er foco eterno me s’appiccia."

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.