#288 - 19 giugno 2021
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Parchi e oasi dello spirito

Riscoprire luoghi, storia, arte, natura - riscoprire il senso di sé

La Valle Santa Francescana - Rieti

Il primo Parco dello Spirito

"Fratello Sole, Sorella Acqua"

di Dante Fasciolo

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

Proprio qui, a corona della città di Rieti, Centro Geografico d'Italia, è sorto il Primo Parco dello Spirito articolato attraverso i significativi quattro conventi sorti nei luoghi che videro intensi momenti di vita di Francesco.
Frammenti della storia dell'umile frate qui vivono palpitanti e testimoniano l'immenso amore per questa terra piena d'acqua e di un verde plurale disteso su armoniche linee collinari.'' Quattro conventi di fattura semplice ed elegante, "Oasi dello Spirito" essenziali per un incontro di fraternità , dove terra e pietra e calce e mattoni restituiscono in silenzio il respiro remoto e profondo del lavoro e della preghiera.

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

Oasi di Poggio Bustone. - Fu nel 1208 che Francesco, in fuga da Assisi, giunse, attraverso boschi, nella località oggi chiamata Poggio Bustone.àà Dimorò a lungo in un Romitorio sul monte Rosato e allo Speco poco più basso.
Due mete di grande suggestione spirituale immerse nel verde; facilmente raggiungibili dal Convento di San Giacomo (1235 - 1237), al quale si aggiunse la chiesa a metà del '400. Il chiostro duecentesco conserva colonnine ottagonali.
Di pregio le pareti affrescate del refettorio e le edicole che punteggiano il percorso verso il Romitorio.

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

Oasi di Greccio. - A lungo in preghiera sul monte Lacerone, ricolmo di lecci, Francesco maturò l'idea di rappresentare la nascita del Redentore (1223). Da allora il Presepe conquistò l'animo dei credenti di tutto il mondo. Qui, lo stupore invade il visitatore: i numerosi affreschi, tra i quali la rappresentazione del primo presepe, l'oratorio, il dormitorio dei frati ancora intatto, così i banchi di legno scolpiti a mano.

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

Oasi di Fonte Colombo. - Qui Francesco dettò la sua Regola definitiva, ma molti episodi della vita del Santo sono legati a questo luogo, che offre motivi di grande interesse artistico come il quattrocentesco convento, la Cappella della Maddalena, la Cappella di San Michele e la Via Crucis, quest'ultima realizzata in maiolica di Capodimonte nel '700.

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

Oasi della Foresta. - La piccola chiesa di San Fabiano del '200, si affaccia sul chiostro del '300 geloso delle sue colonne ottagonali. Il convento sembra correre incontro alla valle circondato da boschi di castagno e cipressi: lo stesso paesaggio suggestivo che unitamente al canto degli uccelli ispirò a Francesco il Cantico delle Creature. Qui i suoi occhi cominciarono a spegnersi. Qui avvenne il miracolo dell'uva. Una serie di cappelle con maioliche del '700 accompagna i visitatori: testimone attraverso l'arte della grande devozione del popolo sabino per il Santo che più di altri ha indicato all'uomo il rispetto di sé e del Creato.

Il primo Parco dello SpiritoIl primo Parco dello Spirito

I Parchi dello Spirito sono realizzati in collaborazione con l'Associazione ambientalista "Movimento Azzurro".

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.