#287 - 5 giugno 2021
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Arte

Mantova -galleria Arianna Sartori

Invito alla luce

La Galleria “Arianna Sartori. Arte & Object Design” di Mantova, nella sala di via Ippolito Nievo 10, presenta una interessante selezione di dipinti del Maestro Luigi Ravasio (Bergamo 1930 - 2018).

L’esposizione intitolata “Invito alla luce”, organizzata da Giuditta Ravasio figlia dell’artista e curata da Arianna Sartori, inaugurata il 29 maggio, resterà aperta al pubblico fino al 17 giugno 2021 .

Invito alla luceInvito alla luce

Nell’era delle elaborazioni digitali, - come bene ha scritto Francesca Buonincontri - il lavoro di Luigi Ravasio si distingue per uno straordinario magistero “artigianale”: i volteggi dei suoi “nastri” librati nel campo rarefatto del dipinto, lungi dall’essere originati dalle ardite esplorazioni spaziali di forme geometriche create dal computer con programmi di progettazione numerica o vettoriale, sorgono da rigorosissimi calcoli prospettici consegnati con puntigliosi disegni a matita, e dal tradizionale impiego della pittura a olio, stesa in campiture nitide e brillanti.
Una pittura dunque estremamente filtrata: il rigore dell’astrazione geometrica sembra volersi affermare come valore in tutta la sua purezza e inattingibilità, una chiave di affaccio a mondi non solcati dalle inquietudini del contingente, ne sfiorati da tentazioni di contaminazione linguistica che percorrono, invece, la ricerca artistica contemporanea.

Invito alla luceInvito alla luce

La pittura di Ravasio impone allo spettatore che vi si accosta, una pausa di sospensione, lo costringe a compiere un’esperienza per così dire, di “decantazione di peso” - fisico e psicologico - a favore di un’intensificazione delle facoltà dell’immaginazione fantastica, accese dalle spericolate incursioni spaziali delle sue forme dinamiche e dal cromatismo ora squillante, ora orchestrato con raffinati accordi di tono.
Affiora nelle sue tele una dimensione fortemente giocosa e vitale, che traduce un desiderio di libertà, di vivacità ritmica, che si alimenta delle seduzioni del colore, che ama anche impennate bizzarre, che risolve sempre l’invenzione in una sorta di composizione musicale lieve e rassicurante. Questo estro creativo convive senza sforzo con il rigore inappuntabile della fase progettuale che nulla lascia al caso e predilige forme nitide come il banco di prova della propria perspicuità.

Invito alla luceInvito alla luce

La matrice formale e ideologica di tale pittura è da ricercare nella fiduciosa razionalità del “concretismo” europeo e delle più vicine esperienze milanesi del MAC; il dinamismo avvolgente del “nastri” colorati, pur nelle circoscritte dimensioni della tela, lascia anche trasparire un’attenzione a valori di espansione ambientale, pure riconducibile allo scena milanese degli anni ‘50 e ‘60, dalle “formule spaziali” di Fontana agli spazi “elastici” di Gianni Colombo; la ricerca dinamica viene ulteriormente sviluppata verso gli esiti di grande sicurezza formale che solo un deciso balzo verso la grande scala li libererebbe dai rischi di compiacimento virtuosistico.
La rarefazione stilistica della pittura di Ravasio non esclude l’affiorare di una sorridente metafora sul mondo delle forme che si insinuano nella nostra vita: le evoluzioni audaci delle sue scie colorate lasciano intravedere una genesi che abbraccia tanto l’organico quanto il tecnologico, allusioni fitomorfe o alla dinamica dei fluidi richiamano movimenti di congegni meccanici, voli di bolidi, ma come esperiti in una dimensione di realtà virtuale, liberati dalle resistenze di attriti e di pesi.
Un mondo scintillante di forme prive di consistenza, eppure chiassose, vitali, energetiche; una prefigurazione delle esperienze percettive del vicino futuro?

Invito alla luce

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.