#114 - 15 dicembre 2014
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Musica e Strumenti

Il grande artista non sapeva suonare

Totò e i suoi strumenti musicali

di Giada Gentili

In "Totò Le Mokò", Totò dirige una banda musicale, nonostante sia cosa nota che Totò non fosse capace di suonare nessuno strumento musicale, e nonostante abbia composto diverse canzoni come: Nun si 'na femmena, Carme'... Carme' , Luntano a te e naturalmente Malafemmena , solo per citarne alcune. Ecco un elenco dettagliato delle sue performance:
In Totò le Mokò fa l'uomo orchestra;
In Totò di notte n. 1 suona il contrabbasso;
In Totò yeye suona il contrabbasso;
In Totò terzo uomo canta Nun si na femmena accompagnandosi al pianoforte;
In Siamo uomini o caporali canta Core analfabeta accompagnandosi con la chitarra.

La mazurka di Totò è una canzone scritta e interpretata da Totò, anche se la musica è del compositore Cesare Bixio, compresa nelle fasi iniziali del film "Totò le Mokò" del 1949.
Seppur nella sua brevità, rappresenta forse una delle canzoni più allegre, gioiose e sognanti del suo intero repertorio, una sorta di inno all'amore e alla gioventù. La scena in cui Totò impersona l'uomo banda verrà copiata nel film Mary Poppins ed interpretata da Dick Van Dyke (capito?).

Totò e i suoi strumenti musicaliTotò e i suoi strumenti musicaliTotò e i suoi strumenti musicali

A casa mia, i film di Totò e i film musicali sono sempre stati pane quotidiano e posso dire tranquillamente di essere cresciuta in braccio a mio padre, piccolissima, mentre lui passava da "+Cantando sotto la pioggia" a "I tartassati", sicchè per un certo periodo di tempo, nella mia testa si sono affollate canzoni, musiche, orchestre e le irresistibili parodie di Totò. Ora che non sto più in braccio a mio padre ma è lui che qualche volta viene in braccio a me, rivedo sempre con piacere, uno dietro l'altro, i film di Totò e i film musicali e mi è rimasta la piacevolissima sensazione del grande professionismo degli americani e del Principe De Curtis che, pur ignorando come si strimpella uno strumento musicale, riesce benissimo, come solo lui poteva fare (e ci metterei anche Laurel&Hardy e Harpo Marx), a imbrogliare lo spettatore facendosi passare da grande ed eclettico strumentista.
« Mia bella signorina
che ascolti lassù...
socchiudi gli occhi e sogna
socchiudi gli occhi e sogna... »*

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.