#254 - 11 gennaio 2020
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre"
John Keats

Limite sull'Arno (Firenze)

Museo remiero

di Alessandro Gentili

Museo remieroMuseo remiero

Sede della più antica Società Canottieri d’Italia, fondata nel 1861, e di numerosi cantieri navali, il museo di Limite sull’Arno ospita oggi una interessante collezione sulla cantieristica navale.
Il centro è nato per valorizzare il patrimonio di conoscenze legate alla cantieristica e al canottaggio tramandate per secoli dai navicellai limitesi, esperti nella conduzione delle imbarcazioni sul fiume e da tutte quelle figure professionali, i calafati, gli scafaioli, i segantini e i maestri d’ascia, che contribuirono alla nascita dei cantieri in un luogo così lontano dal mare.

Museo remieroMuseo remiero

I locali espositivi accolgono modelli in scala ridotta delle imbarcazioni che in passato venivano fabbricate in questa zona, documenti, foto d’epoca e strumenti di lavoro. Un’intera sezione è dedicata all’attività dei cantieri e alla cantieristica in genere.
Ancora oggi questo mestiere è molto importante nel territorio, tanto che il paese di Limite rappresenta uno dei centri più qualificati in tutta la Toscana, anche se molti cantieri si sono spostati sulla costa.
Tra gli oggetti esposto si conservano inoltre numero di trofei e foto degli atleti della Società Canottieri “Limite”che nel corso del tempo hanno ottenuto importanti risultati a livello nazionale e internazionale. La Società Canottieri “Limite” nacque nel 1861 in seno al locale Cantiere Navale Picchiotti per opera di un gruppo di operai e del titolare Picchiotti.

Museo remieroMuseo remiero

Già nel 1860 un gruppo di operai limitesi, che erano a costruire una draga in località Le Sieci, avevano dato luogo in Arno, durante una festa paesana, ad una gara con i barchetti. Al ritorno parlando di questo con il titolare del Cantiere decisero, visto il successo della manifestazione, di continuare con queste gare, e si costituirono così in associazione.
Museo Remiero è nato per valorizzare il patrimonio di conoscenze legate alla cantieristica navale e al canottaggio, ottenuto importanti risultati a livello nazionale e internazionale.

Museo remieroMuseo remiero

Del canottaggio, l’Italia ha appreso qualcosa dalle deliranti telecronache di Gian Piero Galeazzi, che ha saputo trasformare gli eroi di quello sport in un elogio personalizzato. Ricordo che si parlava più del Galeazzi che dei fratelli Abbagnale veri eroi nazional/sportivi: ne è divenuto un po’ l’emblema, il simbolo, l’alfiere di questo stupendo sport. Peccato che le riprese televisive si siano trasformate in un: “ A che ora parte Galeazzi?” (ero presente, ero in casa di amici, c’erano le Olimpiadi o i campionati del mondo, non ricordo bene) e tutta l’attenzione era passata dai canottieri al telecronista. Ricordo che, partita la gara, il gruppetto di amici con cui assistevo, non aspettava altro che gli ultimi 500 metri di gara dove il Galeazzi iniziava a strillare, ovviamente incurante della ….sportività di una gara.
Peccato, oggi si ricorda più il telecronista che i grandiosi fratelloni napoletani….

Museo remieroMuseo remiero

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.