#244 - 13 luglio 2019
AAAAA ATTENZIONE questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del 3 maggio quando lascer il posto al numero 351. - BUONA LETTURA - ORA ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore gi in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore superer l'amore per il potere, sia avr la pace (J. Hendrix)
Arte

Accolto favorevolmente dal pubblico e dalla critica

Roma - Galleria Arte Sempione

L'astratto di Alfredo Ferri

Tra Pensiero e Materia

di Dante Fasciolo

Riemergono, come stratificazioni della memoria,
le trame del paesaggio umbro che visse fanciullo:
inconscio di un infinito che macina dentro
ed elabora esperienze comunicative.

L'astratto di Alfredo Ferri

Rigenerazione di ansie maturate negli anni
riaffiorano e depositano sulla tela
quei labirinti che impegnano l’anima
alla ricerca costante di sè.

L'astratto di Alfredo Ferri

Alfredo Ferri propone dipinti forti,
che bene esprimono la tensione del nostro tempo:
volumi di colore avvolgenti e in contrasto,
testimoni di indissolubilità sociale,
e al contempo, di inevitabile confronto quotidiano.

L'astratto di Alfredo Ferri

Le campiture di verde, rosso, giallo:
tenacia, passione ed impegno,
marcano con vigore le più tenue presenze di bianco e celeste:
opportuna sottolineatura di trame ancora presenti,
spartiacque tra pensiero e materia.

L'astratto di Alfredo Ferri

Qui, l’informale/astratto è composizione parlante:
urla e trascina negli inquietanti abissi della vita,
ma si propone anche come guida musicale
capace di rivitalizzare il respiro poetico e visionario
che cerca una nuova dimora, l’unica, la vera,
indirizzando la nostra anima intorpidita
ai lidi di un ritrovato, rinnovato infinito.

L'astratto di Alfredo Ferri

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.