#241 - 1 giugno 2019
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Humour (non sempre) per riflettere

Tempi...Moderni?

Parenti falsi serpenti

di Giuseppe Sanchioni

In realtà sarebbe meglio scrivere: parenti falsi, serpenti, per non creare nessuna ambiguità.
Sì perché, a leggere le cronache recenti e non, i falsi parenti, come le false notizie, le tanto vituperate fake news, ultimamente producono sconquassi a non finire.
E come se non bastasse, nel tempo si è andata affermando una particolare categoria di falsi parenti molto serpenti particolarmente insidiosa.
Certo sono lontani i tempi in cui (ricordate il film Pretty woman?) Richard Gere diceva in privato al direttore dell’hotel Hector Elizondo che entrambi sapevano che la Roberts non era la vera nipote di Gere perché lui era figlio unico. In quel caso la cosa si era risolta così, con una semplice ammissione e senza ulteriori strascichi di cronaca, e la Roberts si era trasformata in una specie di Cenerentola per qualche migliaio di dollari per una settimana. Roba da ventesimo secolo: nel terzo millennio nulla è più così.

Infatti il tempo ha portato all’evoluzione della specie e l’ordine delle nipoti, del genere nipoti false si è evoluto darwinianamente adattandosi all’ambiente.
Le nipoti false, crescendo, sono diventate più scaltre ed anche più temerarie.
Vi ricordate di Ruby che affermava essere la nipote di Mubarak? Che poi in italiano abbiamo questa ambiguità per cui non distinguiamo se nipote di zii o di nonni. Ma questa è un’inezia rispetto ai guai che ha provocato a chi si era commosso.
Ora ci risiamo. I giornali ci riportano che in Austria il vicecancelliere è stato ripreso a Ibiza in un filmato, di un paio di anni fa, con una ragazza, forse russa, che affermava essere la nipote di un facoltoso oligarca che avrebbe potuto elargire fondi per la campagna elettorale in cambio di favori. Nonostante la cosa non abbia poi avuto seguito, tuttavia il risultato è stato disastroso per il povero politico malcapitato costringendolo alle dimissioni.

Quindi occhio, ne va della vostra carriera: se siete dei politici in conflitto d’interesse, o comunque avete interessi politici anche senza conflitti (quelli semmai verranno dopo) e qualcuno vi dice di essere nipote di un qualche vip più o meno famoso nel bene o nel male controllate sempre attentamente i documenti e nel dubbio fate qualche ricerca anagrafica. Fatevi dare tutta la certificazione necessaria, comprese le analisi mediche non più vecchie di tre mesi. Per stare poi sicuri procuratevi un capello per l’analisi del DNA e una fotografia per l’analisi dei social network.
Il virus delle false nipoti è pericoloso e bisogna fare prevenzione: come dicevano i politici antichi, se lo conosci lo eviti.
Per quanto mi riguarda dormo sonni tranquilli perché non sono un politico e ho una sola nipote e per giunta vera! Immune dal virus.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.