#237 - 22 marzo 2019
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Racconto

Da Assisi al mondo

San Francesco disegnato

Un racconto della vita del Patrono D'Italia - 1^ parte

GianMaria Polidoro - Lucio Trojano - Editrice Velar

di certosino

Un agile volume dedicato ai ragazzi con lo scopo di far conoscere la vita del Patrono d'Italia. Gli stessi sono sollecitati a colorare le pagine disegnate da Lucio Trojano e, staccandole dal volume, offrirle agli amici...contribuendo così a moltiplicare la diffusione del messaggio francescano.

Il linguaggio è semplice ed essenziale, le tavole sono esplicite ed evocative, e il nostro giornale offre volentieri, a puntate, il lavoro dei nostri due autori.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Qui si racconta come Pietro di Bernardone, mercante di stoffe di Assisi, tornato dai mercati di Francia, trovò che il primogenito tanto atteso era nato da poco. Al piccolo Madonna Pica, sua sposa, aveva dato il nome di Giovanni che egli cambiò in Francesco.
Qui si racconta come il ragazzo Francesco andò a scuola dai preti (come si usava allora) nella vicina Parrocchia dove imparò a leggere, a scrivere e a far di conto.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Qui si racconta come il giovane Francesco amava divertirsi con gli amici e le amiche nelle belle serate di Assisi e, invece di pensare al commercio, amava sognare di diventare cavaliere. Un giorno il padre lo punì e lo chiuse in un sottoscala. E la mamma lo liberò.
Francesco sognò un castello pieno di armi e pensò di diventare cavaliere.Poi comprese che doveva essere cavaliere in un altro modo quando, in San Damiano, ascoltò la voce del Cristo che gli parlò dalla croce e lo invitò a riparare la sua Chiesa.

San Francesco disegnatoSan Francesco disegnato

Francesco abbracciò il lebbroso e rivestì il povero col proprio vestito. Egli rinunciò anche a tute le ricchezze di casa davanti al vescovo di Assisi. Poi convinse Bernardo e Pietro ed Egidio a vivere come lui e servire Dio in povertà ed amore come scritto nel Vangelo.
Francesco riparò la chiesetta della Porziuncola e lì accolse i primi compagni. Vi accolse anche Chiara che po visse monaca in San Damiano seguita da due sorelle, dalla madre e da tante altre giovani donne che volevano servire Dio in povertà come Francesco ed i frati alla Porziuncola. (continua)

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.