#230 - 17 novembre 2018
AAAAA ATTENZIONE questo numero rester in rete fino alla mezzanotte del 3 maggio quando lascer il posto al numero 351. - BUONA LETTURA - ORA ANTICA SAGGEZZA - Gli angeli lo chiamano piacere divino, i demoni sofferenza infernale, gli uomini amore. (H.Heine) - Pazzia d'amore? Pleonasmo! L'amore gi in se una pazzia (H.Haine) - Nel bacio d'amore risiede il paradiso terrestre (Lord Byron) - Quando si comincia ad amare si inizia a vivere (M. de Scudery) - L'amore la poesia dei sensi ( H. De Balzac) - Quando il potere dell'amore superer l'amore per il potere, sia avr la pace (J. Hendrix)
comunicazione

«Come echi che a lungo e da lontano tendono a un'unità profonda...» Baudelaire

Sant'Oreste (Roma)

Nella foresta dei simboli

Open Call for Artists - International Mail Art

L'invito di Pier Paolo Piscopo

Il termine simbolo deriva dal verbo greco σύμ-βάλλω «mettere insieme».
Avete voglia di farvi cercare in una foresta di simboli?
Volete farvi trovare da qualcuno che ripercorra le vostre orme, i simboli che avete lasciato per farvi trovare da qualcuno che le riesca a capire; partecipate!
Che vogliate celare il vostro nome, o un messaggio, è lo stesso. Basta che camuffiate, celiate, eludiate.
Solo gli iniziati, chi sarà vicino al vostro sentire, potrà ritrovarvi. Un gioco per riconoscerci.
Dove volete farvi trovare e come, lo deciderete voi.

Quello che non può essere raggiunto dalla razionalità o dalla scienza, l'agape e l'amore lo troveranno con naturalezza, aiuteranno a decifrare quello che avete nascosto e solo tramite l'intuizione si arriverà a voi.
Esiste un codice nell'arte? No!
L'arte è libera. Rimandi, ricordi, colori, suoni, odori, profumi, associazioni… L'artista, grazie alla sensibilità, sarà capace di far intuire, dietro la foresta di simboli in cui nasconde se stesso, il suo concetto e le sue corrispondenze.
Ognuno ha un codice per comunicare. Devi trovare chi lo conosce e lo sa decriptare, perché gli risuona dentro: un codice genetico.
Il codice genetico è l'insieme delle regole contenute nel nostro acido desossiribonucleico o DNA.

La comunicazione è al centro di tutto e l'arte nasce come strumento di comunicazione, sulle pareti di roccia per dare un senso a ciò che per sua natura non lo aveva e comunicarlo. Il senso è un concetto tipicamente artificiale, antropologicamente concettuale. Comunicare no, è innato.
Comunicare è animale, puro essere e l'Arte nasce dall'istinto di una presa diretta sulla realtà, una voglia di riprodurre se stessi nella realtà e nella bellezza da cui siamo travolti, come un'onda, come un'anomalia.
Comunicare con dei simboli, con delle immagini e alchimie che rimandano ad altro da noi: questa è la sfida.
Entrare e ritrovarsi in una foresta di simboli, un buio smeraldo che riluce dietro l'ombra fitta di una incomprensione apparente e lasciate allo spettatore-lettore-fruitore di decifrare il messaggio. Chi vi troverà parlerà la vostra stessa lingua.
Avete voglia di giocare?

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.