#227 - 28 settembre 2018
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Editoriale

Il balcone

di Dante Fasciolo

Oggi chi cerca casa pensa alla grande terrazza,
simbolo di distinzione, anche se le stanze
sono sempre più piccole e i soffitti sempre più bassi.
Un tempo non lontano però ad una casa comoda
si affiancò un di più…il balcone...un optional diremmo,
entrato nel vanto sociale ed architettonico,
tale da essere considerato un lusso pratico
da prevedere in ogni umile casa di ogni più remoto paesino…
e, complice il balcone, con quale sussiego
le comari scambiavano cordiale conversale,

  • e a volte, con quanto sdegno o ira o passione –
    parole di risentiti pettegolezzi o invettive.

Ma se al tempo il balcone ha perduto questo afflato,
un altro ne ha conquistato di carattere politico.
E’ tipico dei dittatorelli sudamericani
affacciarsi al balcone e arringare le folle plaudenti,
promesse rassicuranti, azioni inconcludenti
spesso sfociate in lotte e rivoluzioni nefaste;
e così è in Asia e in Africa…
il fascino di vedere sudditi dall’alto…

Anche dalle nostre parti il fenomeno alligna bene,
piccoli gerarchi autoritari e dispotici
armati di parole “voglio” e “pretendo”
applicano un “carpe diem” miracolosamente piovuto
e piegano ingenue masse alle loro congenite incapacità.

Non sono Duci…non ne hanno la statura..
ma al loro grido scandito dal balcone:
“rappresentiamo undici milioni di elettori…!”
già si alza un’eco sinistra: “…otto milioni di baionette !” …
e come siano finiti quegli applausi
tristissime pagine di storia raccontano.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.