#215 - 7 aprile 2018
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrŕ in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerŕ il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchč ti morde un lupo, pazienza; quel che secca č quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport č l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte č costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista č colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Humour (non sempre) per riflettere

Ricadute

di Giuseppe Sanchioni

Anche se il periodo può sembrare quello giusto, non parlo di influenza e virus allegati bensì della possibilità che ci potesse cadere in testa qualcosa, e nella fattispecie il “Palazzo Celeste” cioè la stazione spaziale cinese Tiangong-1 in caduta libera, una specie di pullman lungo circa 10 metri e pesante quasi 8 tonnellate in orbita dal 2011 ed arrivata al pensionamento per la fine operativa.

Una specie di baby pensionata, dopo soli otto anni di lavoro (senza spendere una lacrima, ma in Cina non c’è l’INPS né la legge Fornero), aggravata dal fatto che sembra i cinesi non avessero più il pieno controllo della traiettoria di rientro. Un po’ come i nostri strapagati manager di grandi aziende.

Comunque, il rientro, previsto per i primi di aprile, è avvenuto senza guai. Possiamo finalmente uscire di nuovo fuori dalle cantine e dai garage, come ci avevano saggiamente consigliato di fare i telegiornali e noi avevamo prontamente eseguito passando le vacanze di Pasqua nel sottosuolo portandoci colomba e salame d’ordinanza.

Ma se cadeva su un’auto? Se sono assicurati, chi avrebbe firmato il CID? Certo, se fosse caduta per strada ci sarebbe stata la possibilità di fare una bella class action contro la Cina per aver provocato delle buche a Roma.

Rimane il fatto che sulle nostre teste, molto in alto, “girano” svariate centinaia di pesanti scatole metalliche. Sono i satelliti artificiali per meteorologia, per telefonia, per geo-localizzazione, per sperimentazione scientifica, per spionaggio militare. Ma ci sono anche tutti i rottami che si sono prodotti in questi anni e che ancora gireranno per chissà quanto tempo. Insomma lo spazio sembra la corsia interna del raccordo anulare tra la Salaria e la Tiburtina verso le cinque del pomeriggio con tutti i resti dei tamponamenti precedenti mai rimossi. E a noi non resta che vivere con questi “rottami di Damocle” sulla testa, pronti a scendere in cantina appena un TG ha la bontà di avvertirci.

Ma c’è anche chi c’intravede una specie di metafora della vita: una volta in pensione per la fine operativa anche gli umani, dopo aver girato tutta la vita, vengono lasciati senza controllo e cadono fino alla distruzione…

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit č realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitŕ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietŕ tra singoli e le comunitŕ, a tutte le attualitŕ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitŕ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertŕ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.