#108 - 20 ottobre 2014
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrà in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerà il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finchè ti morde un lupo, pazienza; quel che secca è quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport è l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista è colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Teatro

Teatro Vascello - Roma

Danza Italiana Contemporanea

ricca stagione 2014 - 2015

Il teatro Vascello da sempre impegnato per la diffusione e la promozione della danza contemporanea, anche quest'anno propone una ricca e densa programmazione che vive integrata nella sua stagione teatrale.
Si parte il 25 e 26 ottobre con un omaggio a Peggy Guggenheim con la coreografia di Michela Barasciutti della compagnia Tocnodanza di Venezia; “una passeggiata nel ‘900, nell’arte moderna. Da Picasso a Magritte, da Luigi Nono a Sofia Gubaidulina, tra musica e quadri, troviamo una figura emblematica di questo secolo: Peggy Guggenheim.

Danza Italiana ContemporaneaDanza Italiana Contemporanea

Seguirà per la Giornata mondiale dell'Ictus celebrale un suggestivo spettacolo di Antonietta Mollica e Simona Cieri dei Motus Danza, Icaro(Reloaded) uno spettacolo per comunicare il coraggio di tornare alla vita dopo l’ICTUS.
Per le proposte dei nuovi linguaggi e delle arti performative, in collaborazione con Le vie dei Festival proponiamo un doppio progetto di Francesca Pennini del CollettivO CineticO: 1-2 novembre Age , e a dicembre Amleto.
Francesca La Cava con Gruppo e-Motion presentano Garbage Girls con le musiche originali Resiliens, un viaggio poetico tra i rifiuti, tra immanente e trascendente, tra coloro che sono costretti a vivere “nella desolazione, testimoni della crudeltà della vita e dei suoi mille misteri.
Fondazione Egri per la Danza per il nuovo lavoro di Raphael Bianco presentano Nowhere? – Itinerari dell'agire umano Wings/The master/Nowhere?
Una riflessione sulle diverse forme di agire umano, un trittico in cui emerge prepotentemente la presa di coscienza progressiva della finitezza delle azioni e dei legami umani, lasciando però un punto di domanda, un’apertura alla speranza.
Sosta Palmizi con undici interpreti selezionati tra i giovani allievi di Giorgio Rossi e Raffaella Giordano, per uno spettacolo dedicato alla felicità - dal 9 al 14 dicembre.
Mauro Astolfi con la SpellBound Contemporary Ballet presentano lo storico lavoro Carmina Burana.
Si conclude la stagione con un laboratorio intensivo di Loris Petrillo in aprile 2015 a seguire il suo ultimo lavoro il Don Quijote.

25 - 26 ottobre - Untitled Tribute to Peggy Guggenheim

Danza Italiana ContemporaneaDanza Italiana Contemporanea

Una passeggiata nel ‘900, nell’arte moderna. Da Picasso a Magritte, da Luigi Nono a Sofia Gubaidulina, tra musica e quadri, troviamo una figura emblematica di questo secolo: Peggy Guggenheim. Per questo spettacolo, infatti, la coreografa Michela Barasciutti si è ispirata ai quadri esposti alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Così, galleggiando con la mente in questa città d’acqua che è diventata la casa di Peggy, tra i quadri e le stanze di Palazzo Venier dei Leoni, siamo invasi da immagini e visioni, sulla sua vita e sull’arte moderna. Ci scopriamo a percorrere un viaggio nel ‘900 e, attraverso la figura di una delle protagoniste di questo secolo, entriamo nella poetica di artisti che hanno segnato la svolta della nascita di un contemporaneo presente.

Danza Italiana Contemporanea

27 ottobre - Icaro (Reloaded)

Sul manifesto di "Icaro (reloaded)" guardano al futuro gli occhi verdi e il sorriso radioso di Antonietta Mollica. Nessuno, guardando la foto, potrebbe pensare che questa giovane donna ha subito nel 2006 la paralisi di tutta la parte sinistra del corpo. Oggi Antonietta ha 42 anni, ma, nel 2006, ne aveva solo 34. La lesione le colpisce la parte sinistra del corpo: braccio, gamba, viso. I medici sono pessimisti, ma Antonietta ha ancora la mente lucida e una ferrea determinazione: decide di riprendersi la sua vita. Comincia un faticoso percorso di riabilitazione che la porta in molti ospedali, cliniche private e centri riabilitativi in Italia e all’estero. Recupera l’equilibrio fisico e psicologico, riprende il lavoro e le attività sportive. Ma non le basta.
"Volevo condividere questa esperienza e rendermi utile anche agli altri pazienti colpiti da Ictus, dando un messaggio di speranza e promuovendo la prevenzione” spiega Antonietta.
Così è nato il progetto "Icaro (Reloaded)" realizzato grazie a Banca Monte dei Paschi, e condiviso con entusiasmo dalla Compagnia Motus che ha co-prodotto lo spettacolo e supportato Antonietta, che non è mai stata attrice o ballerina, nel suo passaggio da “bancaria senz'anima a danzAttrice disabile con un’anima...” come lei stessa ironicamente ama definirsi.
Lo spettacolo non racconta solo il coraggioso percorso di rinascita di Antonietta, ma è anche un viaggio attraverso molti sistemi sanitari, che evidenzia le loro eccellenze e le loro inefficienze, lanciando un importante messaggio sociale.
"L'Ictus – prosegue Antonietta – mi aveva gettata in un baratro, come è accaduto a Icaro, ma io, al contrario, mi sono ricostruita ali più forti. E' stata una straordinaria seconda opportunità di vita, e voglio comunicare che si può rinascere anche meglio di prima".

Danza Italiana Contemporanea

Dopo il brillante debutto a Firenze e Siena, lo spettacolo inizia un tour nei maggiori teatri italiani la cui prima tappa è al Teatro Vascello.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.